Sistema ETD

Archivio digitale delle tesi discusse presso l'Università di Pisa

 

Tesi etd-06282016-135140


Tipo di tesi
Tesi di specializzazione (5 anni)
Autore
GENOVESI, CHIARA
URN
etd-06282016-135140
Titolo
Balance impairment e fratture vertebrali da fragilità
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA
Commissione
relatore Prof.ssa Raffaetà, Gloria
Parole chiave
  • FRATTURE VERTEBRALI
  • FRATTURE DA FRAGILITA'
  • OSTEOPOROSI
Data inizio appello
28/07/2016;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
28/07/2019
Riassunto analitico
Le fratture vertebrali sono fra le più diffuse complicanze dell’osteoporosi, rappresentano l’inizio della “cascata fratturativa” (il 25% dei pazienti riporta infatti una seconda frattura vertebrale entro un anno) e sono associate ad una bassa aspettativa di vita ed a una più alta mortalità.
Sono causa di dolore, riduzione delle capacità funzionali, alterazioni posturali e disabilità, con meccanismi ancora non del tutto chiari. La sintomatologia algica può presentarsi con gradi estremamente variabili e quindi spesso le fratture vertebrali da fragilità non vengono riconosciute. Un’ importante conseguenza delle fratture vertebrali sono anche i disturbi dell’equilibrio, dovuti sia alle alterazioni posturali conseguenti alle fratture, sia alla riduzione del controllo neuromuscolare, alla paura di cadere e alla riduzione della funzionalità che spesso accompagnano questi pazienti. Ad oggi non c’è comunque chiarezza riguardo i meccanismi responsabili delle alterazioni dell’equilibrio. Lo scopo quindi della tesi è stato quello di approfondire l’inquadramento del paziente con fratture vertebrali da fragilità ed i disturbi dell’equilibrio ad esse associate. Riteniamo infatti che una precoce identificazione dei pazienti con problematiche di equilibrio possa essere utile per selezionare in maniera più specifica i pazienti che potrebbero maggiormente beneficiare di un corretto intervento fisioterapico volto a migliorare il controllo posturale e ridurre il rischio di caduta.
Sono stati reclutati i pazienti provenienti dall’ambulatorio multidisciplinare “diagnosi, la cura e la riabilitazione delle fratture vertebrali da osteoporosi” della AOUP.
I pazienti sono stati sottoposti a scale di valutazione per il dolore, la disabilità, la qualità di vita percepita, test del cammino; sono state eseguite misurazione di parametri antropometrici in particolare distanza occipite-muro per valutazione del grado di postura flessa. Sono stati inoltre sottoposti ad esame stabilometrico e baropodometrico per la valutazione dell’equilibrio. Tutti i parametri sono stati analizzati statisticamente per determinare le possibili variabili legate alla frattura vertebrale in grado di determinare alterazioni dell’equilibrio.
File