logo SBA

ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-08112021-151948


Thesis type
Tesi di specializzazione (4 anni)
Author
FILIPPELLI, LAURA
URN
etd-08112021-151948
Thesis title
Ruolo dei mediatori lipidici dell'infiammazione in pazienti affetti da COVID-19
Department
MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE
Course of study
PATOLOGIA CLINICA E BIOCHIMICA CLINICA
Supervisors
relatore Dott.ssa Franzini, Maria
Keywords
  • COVID-19
  • ossilipine
  • infiammazione
  • citochine
  • mediatori lipidici dell’infiammazione
  • LC-MS
Graduation session start date
06/09/2021
Availability
Withheld
Release date
06/09/2024
Summary
Durante la malattia COVID-19, sostenuta dall’infezione da virus SARS-CoV-2, si sviluppa un importante processo infiammatorio. Molti studi si sono concentrati sulle caratteristiche della “tempesta citochinica”, tuttavia nella pratica clinica la quantificazione delle citochine non descrive in modo accurato il processo infiammatorio e non correla con la gravità del quadro clinico presentato dal paziente. Questo studio si propone la finalità di valutare il ruolo dei mediatori lipidici dell’infiammazione nella malattia COVID-19. A tale scopo sono stati arruolati 52 pazienti affetti da COVID-19, per ognuno è stato determinato il profilo delle citochine e delle ossilipine (n=48) in campioni di plasma. Le ossilipine sono state misurate mediante cromatografia liquida-spettrometria di massa (LC-MS). I risultati di questo studio dimostrano che il profilo delle ossilipine correla meglio delle citochine con la gravità della malattia e permette di distinguere due gruppi di pazienti: uno che include pazienti nei quali è mantenuta la regolazione del processo infiammatorio e uno caratterizzato da uno stato infiammatorio verosimilmente bloccato nella fase pro-infiammatoria. Questo studio, inoltre, dimostra che il profilo delle ossilipine e delle citochine rappresentano aspetti diversi del processo infiammatorio, indipendenti e additivi, perciò lo studio dei mediatori lipidici dell’infiammazione permetterà un ulteriore approfondimento del processo patogenetico della malattia COVID-19.
File