Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-11242014-183412


Tipo di tesi
Tesi di specializzazione (5 anni)
Autore
AMENDOLA, LAVINIA
URN
etd-11242014-183412
Titolo
Livelli ematici di beta amiloide ed assetto cognitivo in un campione di pazienti bipolari eutimici
Struttura
MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE
Corso di studi
PSICHIATRIA
Commissione
relatore Prof. Dell'Osso, Liliana
correlatore Dott. Piccinni, Armando
Parole chiave
  • deterioramento cognitivo
  • beta amiloide
  • disturbo bipolare
  • eutimia
Data inizio appello
16/12/2014;
Disponibilità
parziale
Riassunto analitico
Riassunto

Introduzione: Sia durante le fasi sintomatiche che in quelle eutimiche dei Disturbi dell’Umore, sono ben documentate alterazioni cognitive quali deficit delle funzioni esecutive e della memoria, benché siano poco conosciuti gli eventi biologici che stanno alla base di tali alterazioni. Livelli eccessivi di Beta Amiloide (Aß) cerebrale hanno un’azione neurotossica causando disfunzione sinaptica e deterioramento cognitivo.
Una riduzione di Aβ42, un aumento di Aβ40 e un aumento del rapporto Aβ40/42 sono stati riscontrati nel plasma di pazienti a rischio di Malattia di Alzheimer (AD), con AD in fase conclamata ed in pazienti depressi, mentre non ci sono dati che correlino i livelli ematici di Aß in pazienti bipolari eutimici con l’assetto cognitivo.
Il presente studio si propone di confrontare i livelli plasmatici dei peptidi Aβ tra un campione di pazienti affetti da Disturbo Bipolare (fase eutimica) e un campione di soggetti sani, di correlare le caratteristiche di assetto cognitivo con i livelli dei peptidi Aβ e di confrontare le funzioni mnesiche e l'assetto cognitivo dei pazienti con quelli dei controlli.
Pazienti e metodi: Sono stati reclutati 20 pazienti affetti da Disturbo Bipolare tipo I o II in fase di eutimia e 20 soggetti di controllo sani. Contestualmente alla valutazione clinica, è stato effettuato un prelievo di sangue per il dosaggio dei peptidi Aß plasmatici.
Strumenti di valutazione clinica: MINI, CGI, HRSD-21, HAM-A, MRS, GAF, MMSE, Test di Fluenza Verbale per Lettere e Categorie, Test di Memoria di Cifre, Test di Memoria di Brano, TMT-A, TMT-B.
Per quanto riguarda i metodi di laboratorio, i dosaggi dei peptidi Aß sono stati effettuati con appositi kit ELISA.
Risultati: Non sono emerse differenze statisticamente significative tra pazienti e controlli per quanto riguarda i valori plasmatici di Aß40, Aß42 e Aß40/Aß42. Il rapporto Aß40/Aß42 risultava lievemente più alto nei pazienti rispetto ai controlli, nonostante la mancanza di significatività statistica. Non sono emerse differenze significative neanche riguardo i valori plasmatici dei peptidi Aß correlati ai risultati ottenuti nei test neurocognitivi da pazienti e controlli. Riguardo i risultati dei test MMSE, fluenza verbale per lettere e categorie, memoria di cifre, TMT A, TMT B, TMT B-A, i pazienti hanno mostrato performance inferiori rispetto ai controlli con differenze statisticamente significative nei punteggi.
Discussione: In letteratura non sono presenti precedenti studi di correlazione tra livelli ematici di peptidi Aß e funzioni cognitive in pazienti bipolari eutimici. Nel nostro confronto tra pazienti e controlli sani non sono emerse differenze significative circa le concentrazioni plasmatiche di Aß40, Aß42 e Aß40/Aß42, nonostante il rapporto Aß40/Aß42 sia risultato lievemente più alto nei pazienti rispetto ai controlli (verosimilmente in presenza di un campione più numeroso si sarebbe potuta raggiungere la significatività statistica). Nella maggior parte dei test cognitivi, i pazienti hanno ottenuto punteggi inferiori rispetto ai controlli con differenze statisticamente significative, coerentemente con i dati della letteratura (alterazioni cognitive anche nelle fasi eutimiche dei disturbi bipolari.
Conclusioni:Emerge la necessità di approfondire ulteriormente l’eventuale coinvolgimento dei peptidi Aß nell’impairment cognitivo presente nel disturbo bipolare anche ai fini terapeutici.

File