Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-09132015-143234


Tipo di tesi
Tesi di laurea magistrale LM6
Autore
ANDREINI, ILENIA
URN
etd-09132015-143234
Titolo
Studio sulla prevalenza delle comorbidita' nella Sclerosi Multipla: analisi della popolazione afferente al centro regionale per le malattie demielinizzanti di Pisa
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Bonuccelli, Ubaldo
Parole chiave
  • prevalenza
  • sclerosi multipla
  • malattie demielinizzanti
  • comorbidità
Data inizio appello
20/10/2015;
Disponibilità
parziale
Riassunto analitico
La Sclerosi multipla è una malattia infiammatoria cronica demielinizzante del Sistema Nervoso Centrale avente una patogenesi autoimmune ed un’eziologia multifattoriale. La presenza di patologie concomitanti alla SM, le cosiddette comorbidità, è estremamente frequente, il loro studio è perciò fondamentale per quanto concerne i risvolti che queste ultime possono avere in termini di qualità della vita, tipo di trattamento, ritardo nella diagnosi. L’obiettivo di questo studio è quello di valutare la tipologia e prevalenza delle comorbidità nell’ambito della popolazione afferente al centro regionale delle malattie demielinizzanti di Pisa, valutando di conseguenza se i risultati esprimono un grado di concordanza o discordanza rispetto a quelli riportati nello studio condotto da Marrie e colleghi nel 2015, nel numero di marzo del “Multiple Sclerosis Journal”. Per lo studio è stato applicato il test del χ2. I risultati di questa valutazione hanno messo in luce la maggiore frequenza di nove comorbidità nell’ambito della popolazione di Pisa: malattie autoimmunitarie della tiroide, psoriasi, depressione, ansia, disturbo bipolare, cancro, dislipidemia, ipertensione arteriosa, fibromialgia. L’unica comorbidità avente una prevalenza sovrapponibile a quella ottenuta dagli studi di Marrie risulta essere il cancro. Per le altre otto patologie testate, la prevalenza è differente rispetto alla popolazione di riferimento. In particolar modo: le patologie autoimmunitarie hanno un valore di prevalenza maggiore, tutte le altre minore. Questo deve portare alla considerazione di un adeguato percorso da affrontare con i pazienti SM, con la consapevolezza della necessità di riconoscere quanto più precocemente possibile tali patologie affinché possano essere trattate con successo sia la malattia di base che le altre affezioni ad essa associate, massimizzando le possibilità dell’efficacia della terapia e minimizzandone gli effetti collaterali.
File