Sistema ETD

Archivio digitale delle tesi discusse presso l'Università di Pisa

 

Tesi etd-06282007-103410


Tipo di tesi
Tesi di laurea specialistica
Autore
Argento, Denise
URN
etd-06282007-103410
Titolo
Pattern isoenzimatico e attività di perossidasi in frutti di pomodoro della linea Hp-1 maturati in presenza o assenza della radiazione UV-B
Struttura
AGRARIA
Corso di studi
BIOTECNOLOGIE ALIMENTARI
Commissione
Relatore Alpi, Amedeo
Relatore Prof.ssa Ranieri, Annamaria
Parole chiave
  • pomodoro
  • perossidasi
  • acidi idrossicinnamici
  • uvb
Data inizio appello
16/07/2007;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
16/07/2047
Riassunto analitico
Il pomodoro, uno degli alimenti fondamentali della dieta mediterranea, è oggetto di ampio interesse sia da parte dei produttori e consumatori in virtù delle sue ben note proprietà salutistico-nutrizionali, sia da parte dei ricercatori, che lo utilizzano come specie modello per lo studio di numerosi processi fisiologici, biochimici e molecolari.
La crescita del frutto di pomodoro, una volta terminata la fase di divisione cellulare,procede attraverso una fase di distensione delle cellule cui si oppone l’irrigidimento della parete cellulare. Molti autori hanno riscontrato
un collegamento tra questo fenomeno e l’attività delle perossidasi di parete associato alla comparsa di nuove isoforme in prossimità della
cessazione della crescita del frutto (Andrews et al. 2000) tanto che si presume che le proprietà meccaniche della buccia, determinate in parte da tale attività enzimatica, siano alla base del raggiungimento delle dimensioni finali del frutto.
La radiazione UV-B (280-315 nm) presente nello spettro solare è ritenuta indurre un aumento delle specie reattive dell’ossigeno all’interno delle cellule, tra le quali il perossido di idrogeno che rappresenta un substrato naturale delle perossidasi.
Obiettivo della presente tesi è stata la valutazione dell’influenza della radiazione UV-B sulle perossidasi nel mutante fototropico di pomodoro high pigment-1 (hp-1) caratterizzato da un’eccessiva risposta alla stimolazione luminosa.
Le analisi sono state condotte su frutti di piante cresciute in due tunnel,uno di controllo e l’altro ricoperto da un film plastico che impediva il passaggio della radiazione UV-B. I frutti sono stati raccolti a tre differenti stadi di maturazione: verde, invaiato e maturo.
E’ stata valutata l’attività degli enzimi perossidasici solubili e legati alla parete estratti sia dalla polpa che dalla buccia. E’ stato inoltre visualizzato il pattern delle isoforme perossidasiche tramite separazione in PAGE e successiva colorazione specifica. Dato che l’attività perossidasica sembra essere responsabile dell’irrigidimento della parete stessa, è stato inoltre valutato sia il contenuto dei principali acidi idrossicinnammici, precursori dei monolignoli, sia il contenuto in lignina.
Alla luce dei risultati ottenuti dalle analisi fin qui svolte, possiamo concludere che la schermatura della radiazione UV-B esercita importanti effetti sull’attività e sul pattern delle perossidasi solubili e legate ionicamente e covalentemente alla parete delle cellule della polpa e della buccia di frutti di pomodoro durante la maturazione. Più precisamente lo stadio di invaiatura è risultato la fase maturativa caratterizzata da maggiore attività perossidasica sia nel controllo che nel trattamento.
Infine, anche le analisi biochimiche svolte allo scopo di misurare l’accumulo di alcune molecole appartenenti alla classe degli acidi idrossicinnammici nonché dei flavonoidi totali in relazione alla schermatura UV-B, hanno messo in luce il profondo effetto di tale radiazione dimostrando, quindi, il possibile utilizzo di specifici filtri plastici come mezzo ecosostenibile per modulare il contenuto di nutrienti nel frutto di pomodoro.
File