Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-06212017-104941


Tipo di tesi
Tesi di laurea magistrale LM5
Autore
AHMETI, GRISILDA
URN
etd-06212017-104941
Titolo
Sindrome da deficit del trasportatore della creatina: approccio proteomico per la ricerca di biomarcatori precoci in un modello murino
Struttura
FARMACIA
Corso di studi
FARMACIA
Commissione
relatore Prof.ssa Mazzoni, Maria Rosa
relatore Prof. Lucacchini, Antonio
correlatore Dott.ssa Ciregia, Federica
Parole chiave
  • Proteomica
  • Modelli murini
  • Creatina
  • Sindrome da deficit della creatina
Data inizio appello
10/07/2017;
Disponibilità
completa
Riassunto analitico
La sindrome da deficit della creatina (Cr) cerebrale corrisponde ad un gruppo di errori congeniti del metabolismo denominati complessivamente Creatine Deficiency Syndromes (CDS). Tra questi disturbi rientrano tre tipi di difetti metabolici. I primi due sono relativi alla sintesi endogena della creatina, affidata agli enzimi Arginina-Glicina-Amidinotransferasi (AGAT) e Guanidinoacetato-Metiltransferasi (GAMT). Questi difetti metabolici provocano l’incapacità dell’organismo di sintetizzare il composto. Il terzo disturbo riguarda il trasportatore della creatina (CRTR). Tutti e tre le condizioni presentano lo stesso meccanismo patogenetico, ovvero la deplezione di creatina cerebrale, caratterizzato da disabilità intellettiva, disturbi del movimento, comportamento simil-autistico, deficit di apprendimento del linguaggio, epilessia e disturbi del movimento. Poiché la sindrome da deficit del trasportatore di creatina (CRTR-D) manca ancora di un protocollo terapeutico consolidato, sarebbe utile riuscire ad identificare delle proteine marker significative per comprendere le cause delle alterazioni alla base della patologia.
Per lo studio delle sindromi da deficit di creatina sono stati creati dei modelli murini in cui manca il trasportatore della creatina sia a livello centrale che periferico.
Lo scopo del mio lavoro di tesi è stato quello di analizzare, utilizzando un approccio proteomico, i patterns proteici di mitocondri ottenuti da cervello di topi Wild Type e Knock out per il trasportatore della creatina a 10 giorni di età. Precedentemente infatti nel nostro laboratorio, sono state identificate variazioni nei livelli di espressione di proteine mitocondriali in animali a 30 giorni di età. Con questo studio si vuole individuare se queste alterazioni si manifestano in una fase in cui il cervello non si è ancora completamente sviluppato. Abbiamo utilizzato l’elettroforesi bidimensionale accoppiata alla spettrometria di massa e l’utilizzo di un programma dedicato per l’analisi comparativa.
File