logo SBA

ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-04282013-134143


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
GALIE', ALESSANDRA
URN
etd-04282013-134143
Thesis title
Internet come bene comune? Prospettive di analisi sul tema
Department
SCIENZE POLITICHE
Course of study
COMUNICAZIONE D'IMPRESA E POLITICA DELLE RISORSE UMANE
Supervisors
relatore Dott.ssa Bracciale, Roberta
Keywords
  • net neutrality
  • beni comuni
  • Internet
Graduation session start date
20/05/2013
Availability
Withheld
Release date
20/05/2053
Summary
Il ruolo rivestito da Internet nella società attuale è sempre più importante: in questo elaborato si propone una visione della Rete che parta dal riflettere sulla sua condizione: la Rete può essere considerata oggi un bene comune?
A questo proposito si fa riferimento al contesto in cui Internet è nata e alle implicazioni iniziali del medium: le sue caratteristiche tecniche hanno avuto conseguenze sulla sua natura, libera da condizionamenti di natura politica e economica, almeno inizialmente. Con la progressiva diffusione della Rete a livello mondiale è emerso progressivamente il desiderio di controllarne le caratteristiche e si sono create di fatto vere e proprie nuove "enclosures" digitali. Il significato di questo termine nel contesto della Rete assume differenti sfumature: si fa riferimento infatti non solo alle nuove recinzioni della conoscenza su Internet, ma anche anche ai numerosi tentativi degli Internet Service Provider destinati a modificare il principio molto importante che contraddistingue la Rete: la neutralità, ovvero il trattamento dei dati trasmessi uguale per tutti. La Net neutrality è in effetti uno degli aspetti di maggiore interesse nella considerazione della Rete come bene comune e il suo mancato rispetto minerebbe alla base il funzionamento di Internet.
Anche la legislazione è un fardello pesante che incide profondamente sullo sviluppo e sulla diffusione libera delle risorse create dalla Rete: le leggi restrittive sul diritto d'autore ne rappresentano un esempio. Molti Stati, seguendo le orme degli Stati Uniti, hanno proceduto a inasprie le regole, convinti della necessità di preservare i diritti dei creatori delle opere perchè spinti dalla pressione esercitata dalle Major. Dunque la tensione tra libertà e controllo caratterizza la considerazione della Rete nell'ottica del bene comune.
La gestione della governance di Internet è un ulteriore aspetto importante da indagare poichè l'origine statunitense di Internet e il collegamento attuale tra la Rete e alcuni enti coinvolti nel suo sviluppo, come ICANN, riconducono al ripensamento della sua gestione in termini maggiormente inclusivi per gli altri Stati. L'internazionalizzazione della Rete risulta inoltre necessaria a fronte della sua diffusione in contesti non occidentali sia linguisticamente che culturalmente.
La considerazione dell'indispensabilità della Rete nella società ha condotto molti Stati a inserire il diritto a Internet all'interno delle proprie Costituzioni o legislazioni nazionali. L'Italia in questo contesto rappresenta l'esempio di come la Rete non sia considerata uno strumento pubblico di emancipazione sociale: sono state proposte infatti numerose leggi in grado di minare potenzialmente la libertà di espressione in Rete, concepita come una minaccia nei confronti dei poteri politici ed economici consolidati.
Dunque la panoramica su questi aspetti coinvolge sempre più soggetti e impone una riconsiderazione della Rete non soltanto come mezzo di comunicazione, ma come strumento irrinunciabile di sviluppo all'interno della società dell'informazione.
File