Sistema ETD

Archivio digitale delle tesi discusse presso l'Università di Pisa

 

Tesi etd-04062011-145847


Tipo di tesi
Tesi di dottorato di ricerca
Autore
MELAI, MAURIZIO
URN
etd-04062011-145847
Titolo
Les derniers feux de la tragédie classique: étude du genre tragique en France sous la Restauration et la Monarchie de Juillet
Settore scientifico disciplinare
L-LIN/03
Corso di studi
LETTERATURE STRANIERE MODERNE (FRANCESE, INGLESE, SPAGNOLO, TEDESCO)
Commissione
tutor Prof. Iotti, Gianni
tutor Prof. Frantz, Pierre
commissario Prof. Bara, Olivier
commissario Prof. Piva, Franco
Parole chiave
  • Pierre Lebrun
  • teatro dell’Ottocento
  • tragedia francese
  • Nepomucene Lemercier
  • Michel Pichat
  • Lucien Arnault
  • Latour de Saint-Ybars
  • Jacques Ancelot
  • Francois Ponsard
  • eredità classica
  • Etienne Jouy
  • dramma romantico
  • Casimir Delavigne
  • Alexandre Soumet
Data inizio appello
31/05/2011;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Il presente studio verte sulla pratica del genere della tragedia classica nell’Ottocento, in particolare durante la Restaurazione e la Monarchia di Luglio. Ciò che ci interessa sono gli sviluppi più tardi del genere tragico in Francia, genere di cui documentiamo l’evoluzione ed il declino progressivo nel corso della prima metà del XIX secolo, ovvero fino alla sua scomparsa dai teatri francesi, databile attorno al 1850. Basandoci su un corpus di ottanta testi, cerchiamo di dare un quadro completo della tragedia e degli autori tragici della Restaurazione e della Monarchia di Luglio, o più esattamente dei quaranta anni compresi tra il 1814 e il 1854. Il lavoro, concepito come lo studio di un codice letterario, si articola in due parti: nella prima tentiamo di definire il codice tragico d’epoca post-napoleonica sulla base delle costanti formali che lo caratterizzano, mostrando l’evoluzione che il genere conosce dai punti di vista stilistico, strutturale e più strettamente drammaturgico; nella seconda parte ci occupiamo di esaminare le costanti tematiche del codice in questione, studiando le strategie attraverso le quali la tragedia traspone, tramite i temi storici fortemente allusivi che essa tratta, le grandi problematiche politico-sociali dell’epoca. Documentando la continuità che esiste tra questa tragedia tarda ed il dramma romantico, tentiamo infine di valorizzare i testi del nostro corpus e di metterne in evidenza i tratti moderni; è da qui che giungiamo ad interrogarci sulle ragioni della persistenza di un genere tradizionale come la tragedia classica e sui fattori che contribuiscono, nell’Ottocento, ad una sua rivitalizzazione.
File