ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-02042013-162844


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
FREDIANI, ALESSANDRO GIOVANNI
URN
etd-02042013-162844
Title
LA CRISI D'IMPRESA E LE PROCEDURE FALLIMENTARI. IL CASO DEL CONSORZIO ETRURIA.
Struttura
ECONOMIA E MANAGEMENT
Corso di studi
CONSULENZA PROFESSIONALE ALLE AZIENDE
Commissione
relatore Prof. Poddighe, Francesco
Parole chiave
  • concordato
  • soluzioni
  • impresa
  • crisi
Data inizio appello
28/02/2013;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
28/02/2053
Riassunto analitico
Il presente lavoro intende illustrare la situazione che le imprese in un contesto caratterizzato da cambiamenti intensi e discontinui si trovano ad operare; simili mutamenti, direttamente o indirettamente, sono tali da influenzare in modo deciso il loro destino. L’interpretazione e l’analisi dei cambiamenti dell’impresa costituiscono un obiettivo primario nell’universo conoscitivo esplorato dagli studi d’impresa; in questo ambito, tuttavia, l’attenzione è focalizzata sui processi evolutivi in cui il cambiamento assume connotati innovativi e positivi che portano le imprese a conseguire posizioni di successo e di leadership. L’impianto della Legge Fallimentare, rimasto sostanzialmente invariato per circa sessant’anni, è stato sottoposto a modifica solo nel dicembre del 2005, una vera e propria rivoluzione copernicana, nata dall’esigenza di adeguare la normativa ai bisogni e alle necessità dell’economia contemporanea permettendo finalmente anche nel nostro Paese all’imprenditore in crisi e ai suoi creditori di poter determinare privatamente le regole che disciplineranno la composizione dei loro interessi all’interno delle procedure concorsuali, a tal fine il legislatore ha modificato la normativa che regolamenta il Concordato Preventivo , ha inserito tra le procedure di regolazione concorsuale della crisi gli Accordi di Ristrutturazione dei Debiti ed ha previsto la possibilità per l’imprenditore di far predisporre un piano attestato di risanamento (in base all’art. 67. terzo comma, lett. d), legge fallimentare. Ai fini del presente lavoro, è parso opportuno focalizzare l'attenzione sull’analisi delle nuove procedure certi delle possibilità di sviluppo di tali metodologie che danno finalmente la possibilità di affrontare la crisi d’impresa con l’obbiettivo di conservare le componenti positive dell’azienda (beni, know how, livelli occupazionali, ecc), gestendo la crisi non in termini meramente liquidatori e sanzionatori, ma prevalentemente recuperatori e che, per raggiungere lo scopo, non subordinano l’accesso alla procedura alla manifestazione dell’insolvenza ma anticipano la possibilità di accesso già in presenza dello stato di crisi.
File