Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-01042014-170843


Tipo di tesi
Tesi di laurea magistrale LM5
Autore
ANEDDA, FRANCESCA
URN
etd-01042014-170843
Titolo
Matrimonio tra persone dello stesso sesso e omogenitorialità
Struttura
GIURISPRUDENZA
Corso di studi
GIURISPRUDENZA
Commissione
relatore Prof.ssa Sperti, Angioletta
Parole chiave
  • matrimonio
  • paradigma eterosessuale
  • discriminazione
  • orientamento sessuale
  • adozione
Data inizio appello
05/02/2014;
Disponibilità
completa
Riassunto analitico
Questa tesi si pone l'obiettivo di analizzare la difficile questione del riconoscimento del Same sex Marriage e della omogenitorialità alla luce della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo e di alcune recenti decisioni delle Corti costituzionali nazionali(in particolare ci soffermeremo su Spagna, Francia, Italia). La questione che viene messa in discussione non è l'istituto coniugale, che rimane più o meno immutato e continua a chiamarsi matrimonio, ma uno dei suoi requisiti, cioè la diversità del sesso dei due soggetti interessati. Il paradigma eterosessuale del matrimonio nel proseguo dell'analisi dimostra tutte le sue debolezze, risulta ormai irrimediabilmente incrinato. La tesi ha come bussola il principio ribadito dalla giurisprudenza della Corte EDU in diversi casi esaminati: il divieto di discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale. Si analizza l'evolversi per le coppie omosessuali nella giurisprudenza della Corte EDU dal riconoscimento della tutela della sola “vita privata”, al riconoscimento della tutela della “vita familiare” anche ad essi ai sensi dell'art 8 CEDU. Inoltre sono esaminati anche i casi giurisprudenziali ( Salgueiro da Silva Mouta v. Portogallo, Frettè v.Francia, E.B v. Francia, Gas &Dubois v. Francia, X and The Other v. Austria) che hanno messo di fronte alla Corte EDU la delicata questione dell'adozione delle coppie dello stesso sesso.
Nella parte centrale lo sguardo è rivolto agli Stati europei che hanno scelto di aprire la propria legislazione interna al matrimonio gay, con un'analisi più dettagliata della Spagna ( l.n.13 del 2005) e della Francia, che ha dato recentemente il via a “le mariage homosexual” con la cd legge sul “ matrimonio per tutti” ( n 2013.404).
L'Italia è l'unica nazione tra le cd “democrazie mature”, insieme alla Grecia a non prevedere alcuna tutela a favore delle coppie omosessuali.
La tesi nella sua parte conclusiva cerca di fare un quadro della lacunosa situazione italiana in materia di tutela delle unioni same sex, partendo dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 138 del 2010, che sebbene ribadisca ancora il “NO” dell'Italia al matrimonio tra persone dello stesso sesso, ha il merito di aver riaperto una questione che è appena iniziata e che non escluderebbe del tutto l'ipotesi di un futuro overruling della decisione. Anche la Cassazione recentemente si è confrontata con la quaestio del matrimonio same sex rispettivamente: Cass.I.Sez.civ. N. 4184/2012 e l' ordinanza n.14329/2013.
File