Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-01042010-012955


Tipo di tesi
Tesi di laurea specialistica
Autore
ANGELUCCI, BRUNO
URN
etd-01042010-012955
Titolo
Studio di un trigger di molteplicita' basato su un rivelatore RICH
Struttura
SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI
Corso di studi
SCIENZE FISICHE
Commissione
relatore Prof. Sozzi, Marco
Parole chiave
  • NA62
  • trigger
  • RICH
  • acquisizione dati
  • efficienza
  • molteplicita'
  • TDC/TELL1
Data inizio appello
18/01/2010;
Disponibilità
completa
Riassunto analitico
Il lavoro di tesi in questione e' stato svolto all'interno del gruppo dell'INFN di Pisa che partecipa all'esperimento NA62 presso i laboratori del CERN di Ginevra, in particolare nell'ambito del gruppo che si occupa del sistema di trigger e acquisizione dati (TDAQ) dell'esperimento.
L'obiettivo finale ha riguardato la valutazione della possibilita' di messa a punto di un trigger, attraverso il sistema di acquisizione dati oggetto di studio, basato sul rivelatore RICH dell'esperimento NA62.
Inizialmente, e' presentata un'introduzione riguardante l'esperimento NA62 con la descrizione dell'obiettivo dell'esperimento, successivamente sono esposti dei cenni alla fisica del decadimento, con le conseguenti motivazioni della misura obiettivo dell'esperimento, seguiti dalla
strategia sperimentale.
In secondo luogo viene descritto l'apparato sperimentale di NA62: sono presentate brevi indicazioni riguardanti la produzione del fascio di K+ e i singoli rivelatori. L'esposizione e' piu' ampia per la strumentazione direttamente coinvolta nel lavoro originale della tesi: il RICH, e il sistema di trigger e acquisizione dati, con una spiegazione abbastanza dettagliata dei componenti elettronici e delle loro modalita' di funzionamento.
Nella parte principale dell'elaborato viene presentato il lavoro originale, diviso in due parti: la prima riguarda la partecipazione ai due test del prototipo RICH-400 e del sistema di acquisizione dati TELL1-TDC, la seconda focalizza l'obiettivo dello studio della realizzazione di un trigger di molteplicita' basato sul rivelatore RICH.
In riferimento al primo test, viene esposta dettagliatamente l'analisi dati eseguita personalmente, e sono mostrati i risultati ottenuti riguardanti in particolare il calcolo della risoluzione temporale dei fotomoltiplicatori, e lo studio di problemi emersi quali la presenza di canali rumorosi e di hits mancanti.
In merito al secondo test, viene mostrato il lavoro personalmente svolto consistente nella realizzazione di un monitor online; sono poi presentati alcuni risultati di rilievo ottenuti dal test.
L'ultima parte descrive minuziosamente la ricostruzione di eventi di segnale K+ -> pi+ nu nu, generati con una simulazione Montecarlo; in particolare viene analizzato il comportamento del rivelatore RICH, studiando la possibilita' di applicazione di diverse configurazioni del sistema di readout TELL1-TDC al rivelatore stesso. L'analisi messa a punto, e i risultati presentati, mostrano la risposta del sistema all'applicazione di una soglia sul trigger di molteplicita': su eventi di segnale, in termini di efficienza al variare della soglia impostata, e su eventi corrispondenti ai principali decadimenti di fondo del K+, in termini di riduzione del rate totale sul RICH.
File