logo SBA

ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-12292023-164954


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
MINGOLLA, MARTINA ENZA
URN
etd-12292023-164954
Thesis title
L'immediatezza sotto scacco. Fondamenti, evoluzione e prospettive del principio.
Department
GIURISPRUDENZA
Course of study
GIURISPRUDENZA
Supervisors
relatore Prof. Marzaduri, Enrico
Keywords
  • approccio valutativo
  • compatibilità costituzionale
  • diritti individuali.
  • giudice – robot
  • intelligenza artificiale
  • algoritmo
  • efficienza cognitiva
  • videoregistrazione
  • riforma Cartabia
  • sentenza Bajrami
  • sentenza Costituzionale 132/2019
  • revisione europea
  • giudizio abbreviato
  • sentenza Dasgupta
  • rinnovazione della prova dichiarativa
  • appello del pubblico ministero
  • misure compensative
  • equità complessiva
  • CEDU
  • giusto processo
  • rinnovazione istruttoria dibattimentale
  • immutabilità del giudice
  • ragionevole durata del processo
  • contraddittorio
  • Costituzione
  • Principio di immediatezza
Graduation session start date
01/02/2024
Availability
None
Summary
Il presente contributo intende valutare lo stato attuale del principio di immediatezza alla luce di fasi temporali e contesti differenti. A partire dalla fisionomia che il concetto assume nel panorama Costituzionale e nel Codice del 1988, se ne approfondiscono gli aspetti ontologici, i corollari (immutabilità del giudice e rinnovazione della prova dichiarativa in caso di suo mutamento) ed i rapporti col principio di ragionevole durata del processo. Se ne analizzano anche i profili derogatori posti dal medesimo Codice e i loro presupposti. Si valuta poi l’approccio della giurisprudenza Europea all’immediatezza ed alle garanzie del giusto processo attraverso il concetto di equità complessiva del procedimento e il tema spinoso della rinnovazione dell’istruttoria in appello alla luce della nota sentenza Dan c. Moldavia, i cui principi sono stati introdotti dall’ordinamento italiano dopo la sent. Dasgupta con il comma 3-bis dell’art. 603 cod.proc.pen. Sul versante nazionale, si vagliano le compressioni alla formulazione originaria del principio di immediatezza realizzate attraverso gli interventi prima della Corte Costituzionale con la sent. 132/2019 e poi del giudice di legittimità, con la sent. Bajrami, fino ad approdare alle implicazioni della Riforma Cartabia nel processo in termini di efficienza, in risposta alle esigenze di razionalizzazione che anche il giudice delle leggi aveva sollevato in precedenza. Infine, l’analisi si proietta verso le nuove prospettive segnate dall’avvento dell’intelligenza artificiale nel processo, approfondendo le ragioni di insostituibilità del giudice persona fisica ad opera di macchine che, seppur intelligenti, non sono ancora in grado di compiere l’attività argomentativa e valutativa funzionale all’emanazione di una decisione giusta.

This work aims to estimate the current status of the principle of immediacy in different time phases and contexts. Starting from the concept physiognomy either in the Constitution and in the 1988’s Code, this work underlines its ontological meaning, its corollaries (changelessness of the judge and renovation of the declarative proof in case of mutation) and the relations with the principle of reasonable duration of the process. Some derogatory profiles indicated in the same code and their assumptions are analyzed. The European case law to immediacy and to the due process guarantees through the concept of overall fairness of the procedure are evaluated as well as the hard subject of the discussion renovation in the appeal judgement in view of the well-known case Dan c. Moldavia, whose principles have been introduced in the Italian system after the case Dasgupta with the subsection 3-bis of the art. 603 of the Criminal procedure Code. On the National side, the compressions on the original formulation of the immediacy due to the action of the Constitutional Court with the sentence 132/2019 before, and the Supreme Court of Cassation with the Bajrami case, afterwards, up to the implications of the Cartabia Reform in terms if efficiency of the process, are examined. In the end, the projection of the analysis goes towards the new perspectives signed by the advent of the artificial intelligence in the process, screening in particular the reasons of the inconceivable substitution of the judge human - being with machines that, while being certainly intelligent, are not still able to carry out the argumentative and evaluating activity useful for a fair decision.
File