ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-12112021-180339


Thesis type
Tesi di specializzazione (4 anni)
Author
CARGIOLLI, LINDA
URN
etd-12112021-180339
Thesis title
TRATTAMENTO LOCOREGIONALE DELL'EPATOCARCINOMA MEDIANTE CHEMIOEMBOLIZZAZIONE
Department
FARMACIA
Course of study
FARMACIA OSPEDALIERA
Supervisors
relatore Prof.ssa Burgalassi, Susi
relatore Dott.ssa Martini, Francesca
Keywords
  • epatocarcinoma
  • HCC
  • terapie locoregionali
  • chemioembolizzazione
  • TACE
  • DEB-TACE
  • microsfere
  • DC Bead™
  • allestimento in UFA
  • radiologia interventistica
Graduation session start date
12/01/2022
Availability
Withheld
Release date
12/01/2092
Summary
Il carcinoma epatocellulare (HCC) è il più frequente tumore primitivo del fegato e ne rappresenta circa il 90% dei casi. La sua incidenza è in aumento in tutto il mondo. Si stima che, entro il 2025, più di 1 milione di individui ne sarà affetto ogni anno. Nei pazienti con HCC allo stadio intermedio-avanzato secondo BCLC (Barcelona Clinic Liver Cancer), non suscettibili di trattamenti curativi chirurgici o percutanei, un valido approccio terapeutico è rappresentato dalla chemioembolizzazione intra-arteriosa (TACE) realizzata nell’ambito della Radiologica Interventistica. In questi ultimi anni, tale trattamento è inoltre stato proposto al fine di ottenere un bridge e/o downstaging di malattia in attesa del trapianto di fegato. Lo scopo di questa procedura locoregionale è quello di determinare un potente effetto ischemico e citotossico mirato al tumore. L’evoluzione della tecnica ha portato all’utilizzo di particolari dispositivi medici costituiti da microsfere di diversi materiali. Le microsfere vengono caricate con farmaci chemioterapici che sono rilasciati lentamente al sito target tumorale, determinando una riduzione del rischio di effetti avversi sistemici. Nel presente lavoro di tesi viene descritto l’allestimento nel laboratorio galenico dell’UFA (Unità Farmaci Antiblastici) presso l’Ospedale delle Apuane di Massa, delle DC Bead™, tra le microsfere più utilizzate nella pratica clinica e i risultati del loro utilizzo mediante l’esposizione di un caso clinico trattato.
File