ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-12032018-154607


Thesis type
Tesi di specializzazione (4 anni)
Author
TOSCANO, CARMELA
URN
etd-12032018-154607
Title
Algoritmo diagnostico clinico-ecografico per la diagnosi differenziale delle principali artropatie infiammatorie e dell'artrosi: una proposta del gruppo di studio di ecografia della Società Italiana di Reumatologia.
Struttura
MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE
Corso di studi
REUMATOLOGIA
Commissione
relatore Prof. Frediani, Bruno
Parole chiave
  • ecografia
  • artrite
  • algoritmo
  • diagnosi
Data inizio appello
20/12/2018;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Le linee guida disponibili in letteratura per la diagnosi delle principali artropatie infiammatorie non prevedono l’utilizzo dell’ecografia. Diversi studi, tuttavia, evidenziano che, questa metodica, integrata all’esame clinico, potrebbe migliorare l’accuratezza diagnostica, fornendo un ulteriore strumento per un’efficace diagnosi differenziale.
L’obiettivo del nostro studio è stato elaborare un algoritmo diagnostico che integrasse gli aspetti clinici con quelli ecografici per la diagnosi di: Artrite Reumatoide, Artrite Psoriasica, Polimialgia Reumatica, Gotta, Malattia da deposito di pirofosfato di calcio, Osteoartrosi.
Lo studio, condotto dal gruppo di studio di ecografia della Società Italiana di Reumatologia, è stato sviluppato in 3 fasi. Nella prima, è stata eseguita una revisione sistematica della letteratura sull’accuratezza diagnostica e sulla riproducibilità dell’ecografia nell'identificazione di lesioni elementari che fossero specifiche per ogni patologia considerata. Questa fase si è conclusa con la stesura di “statements” in cui sono state definite le sedi articolari e le lesioni elementari da indagare con l’ecografia per agevolare la diagnosi. Nella fase successiva, è stata allestita una survey per ogni patologia, per definire la tipologia di paziente a cui applicare le definizioni selezionate nella prima fase.
Infine, dall’integrazione dei risultati ottenuti nelle prime due fasi, è stato stilato l’algoritmo diagnostico da applicare nei diversi setting clinici.
File