ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-11282010-172743


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
PIRODDI, CLAUDIA
URN
etd-11282010-172743
Title
UN CANNONAU TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE
Struttura
AGRARIA
Corso di studi
SCIENZE E TECNOLOGIE VITIVINICOLE
Supervisors
relatore Prof. Andrich, Gianpaolo
correlatore Prof. Scalabrelli, Giancarlo
Parole chiave
  • zonazione
  • territorio
  • Cannonau di Sardegna
  • Jerzu
  • Linea del Fondatore
  • metodi analitici
Data inizio appello
13/12/2010;
Consultabilità
Parziale
Data di rilascio
13/12/2050
Riassunto analitico
Comprendere un vino significa conoscere la tradizione e il territorio che alla sua “realizzazione”
possono condurre, perché produrre vino oggi significa raccontare esperienze.
Da considerazioni di questo genere, dedotte da un’analisi di un ormai noto andamento del mercato
del vino, nasce la volontà di raccontare l’esperienza di un’azienda (Antichi Poderi Jerzu) che ricerca nella vocazionalità viticola delle sue terre il punto di partenza per una produzione di qualità.
Se l’obiettivo finale è quello di migliorare la competitività del prodotto vino, la strategia per
raggiungere questo traguardo è quella di caratterizzare lo stretto rapporto con il territorio, inteso anche come tradizioni storiche e colturali. Occorre, a tal proposito, studiare i fattori che influiscono sull’interazione genotipo-ambiente, consentendo un’estrinsecazione delle potenzialità genetiche delvitigno. Questo tipo di studio viene riconosciuto come “zonazione viticola”.
E proprio un progetto di zonazione è stato proposto per l’area di vinificazione sotto la
denominazione di D.O.C. Cannonau di Jerzu.
Per tutto il triennio di indagine (2004-2005-2006), sono stati effettuati nei 36 vigneti guida, rilievi fenologici ed agronomici; i dati ottenuti sono stati quindi gerarchizzati ed analizzati, ed estesi per analogia a tutti gli ambienti omogenei.
Il risultato concreto è stata l’individuazione di nove macrozone, meglio definite come unità
vocazionali.
Tra di esse, la zona sotto il nome di Vigne Alte (1472 ettari), si è mostrata particolarmente idonea alla coltivazione della vite; le uve qui prodotte sono risultate in assoluto le più dotate in sostanze coloranti, con un buon grado zuccherino ed una buona acidità.
I vecchi vigneti Cannonau che questi poderi ospitano, coltivati secondo la tradizione con una forma di allevamento ad alberello, sono stati per queste ragioni selezionati per la produzione dei vini della Linea Del Fondatore, linea di punta dell’azienda Antichi Poderi Jerzu, e che comprende i vini Marghia, Chuerra e Josto Miglior.
È stato quindi proposto un confronto per mettere in luce le caratteristiche analitiche e sensoriali di questi vini, che possono essere definiti come “figli” dell’innovazione utilizzata come mezzo di salvaguardia della tradizione, per arrivare a un prodotto che è espressione di moderna tipicità non riproducibile.
Da un lato è stata presentata la comparazione tra i tre vini su base analitica; dall’altro è stata
proposta una verticalizzazione del vino di punta aziendale, Josto Miglior, di cui è presentato un
excursus tra le diverse annate 1998, 1999, 2000, 2001 e 2005, mettendole a confronto sia sotto il
profilo analitico che organolettico.
File