ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-11222018-122703


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
GHIO, GIACOMO
URN
etd-11222018-122703
Title
Fattori che influenzano la sopravvivenza nel trauma chiuso dell'intestino: considerazioni su una serie consecutiva di cinquantasei pazienti
Struttura
DIPARTIMENTO DI PATOLOGIA CHIRURGICA, MEDICA, MOLECOLARE E DELL'AREA CRITICA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Chiarugi, Massimo
Parole chiave
  • Trauma addominale chiuso
  • Trauma intestinale
Data inizio appello
11/12/2018;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Premessa: le lesioni dell’intestino sono una evenienza rara ma da tenere in alta considerazione
nel trauma addominale non penetrante specialmente nel contesto dei politraumatizzati. Lesioni
intestinali si verificano in circa il 5% dei traumi addominali chiusi la cui causa più frequente è oggi rappresentata dagli incidenti stradali.
Materiali e metodi: analizzando retrospettivamente una casistica di 56 pazienti, caratterizzati dall’aver subito lesioni intestinali da trauma chiuso,
raccolta in un arco di tempo quasi ventennale, abbiamo cercato di delineare i fattori che
maggiormente hanno influenzato il decorso clinico e la sopravvivenza all’interno della
popolazione di riferimento. Per fare questo abbiamo suddiviso la popolazione generale, sulla
base della classificazione Clavien-Dindo delle complicanze chirurgiche, tra coloro i quali hanno
avuto un decorso postoperatorio regolare o al massimo aggravato da complicanze non superiori
al grado II e coloro che hanno invece avuto un decorso peggiore, configurato da complicanze di
grado III o superiore. Abbiamo comparato quindi le variabili raccolte dalle cartelle cliniche dei
pazienti quali l’età e il genere, l’eziologia del trauma, il valore del GCS e la stabilità emodinamica
al ricovero, la sede e la gravità di lesione intestinale, l’entità complessiva della gravità del trauma
secondo l’Injury Severity Score, la presenza di concomitanti lesioni ad altri organi addominali e il
tempo trascorso tra l’evento traumatico e l’intervento chirurgico.
Risultati: Dalla analisi statistica è risultata significativa la associazione della gravità del trauma
identificata dallo score ISS, la concomitante presenza di lesione di altri organi
addominali oltre all’intestino, la maggior compromissione clinica al momento del
ricovero rappresentata da instabilità emodinamica e GCS inferiore a 12 con un
decorso più complesso, gravato da maggiori complicanze postoperatorie e anche mortalità. Lo
studio ha messo anche in evidenza come caratteristicamente il colon risulti meno
frequentemente interessato del tenue nel trauma addominale chiuso e di come sia associato
significativamente a traumi di gravità maggiore rispetto a quelli necessari a danneggiare il tenue.
Conclusione: le lesioni intestinali da trauma addominale chiuso sono un evento raro e non di
rado poco eclatanti dal punto di vista clinico in fase iniziale, inoltre per propria natura
eziopatogenetica spesso si accompagnano a concomitanti lesioni poli distrettuali motivo per cui
devono essere sempre sospettate e indagate, sicuramente nel trauma addominale non
penetrante isolato e a maggior ragione nel politraumatizzato. Da quello che possiamo evincere
dal nostro studio l’esito in termini di complicanze postoperatorie e sopravvivenza nel trauma
chiuso dell’intestino indipendentemente dalla gravità intrinseca delle lesioni intestinali, sarebbe
determinato dalla complessità dell’evento traumatico e dalla compromissione clinica generale,
dove ovviamente le lesioni intestinali contribuiscono a determinare il livello di gravità del trauma.
File