ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-11222013-112750


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
CASANOVA, GIACOMO
URN
etd-11222013-112750
Title
Il sitema di Pianificazione, Programmazione e Controllo: implicazioni pratiche
Struttura
ECONOMIA E MANAGEMENT
Corso di studi
STRATEGIA, MANAGEMENT E CONTROLLO
Commissione
relatore Prof. Marchi, Luciano
Parole chiave
  • pianificazione strategica
  • piano strategico
  • budget
  • Sistema di pianificazione programmazione e control
Data inizio appello
12/12/2013;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Negli ultimi anni la crisi economica che ha colpito i mercati internazionali ha dimostrato come per tute le aziende, indipendentemente dal settore o dalla dimensione, sia indispensabile progettare adeguati sistemi di Pianificazione, Programmazione e Controllo ed implementare al loro interno meccanismi di misurazione e controllo delle performance. Le difficoltà economiche, finanziarie e patrimoniali, portate dalla crisi, hanno acuito in molti casi criticità strutturali e culturali spesso già esistenti nelle aziende e nel loro ruolo sociale. <br>Da qui discende l’importanza di consolidare in azienda l’utilizzo e l’implementazione dei tradizionali strumenti del controllo di gestione, costruendo intorno agli stessi un’adeguata cultura organizzativa. <br>L’obiettivo di questa tesi è quello di dimostrare quanto appena detto, le aziende, tutte, siano esse di grandi o piccole dimensioni, siano aziende familiari o complessi gruppi multinazionali, hanno bisogno di Pianificare, Programmare e Controllare la propria attività. Un’azienda senza controllo di gestione è come una “nave senza timone in tempesta”, priva di un porto di arrivo, di una rotta ben tracciata e di strumenti per verificarne assiduamente il mantenimento.<br>Il presente lavorato è suddiviso in due parti. La prima parte, prettamente teorica, dopo aver presentato e discusso le diverse definizioni di Pianificazione e Programmazione aziendale; nel secondo capitolo, inquadra il Sistema di Pianificazione, Programmazione e Controllo all’interno dei Sistemi Aziendali nella letteratura aziendalistica. Sempre nello stesso capitolo vengono brevemente analizzate le componenti che caratterizzano il controllo di gestione: la struttura organizzativa, la struttura informativa, il processo e le rilevazioni informazioni.<br>Il terzo capitolo è dedicato alla Pianificazione Strategica di lungo periodo, definita come: “il processo di decisione sugli obiettivi dell’organizzazione, su i loro cambiamenti, su le risorse da usare per il loro raggiungimento e su le politiche che debbano informare l’acquisizione, l’uso e l’assegnazione di tali risorse”. Il prodotto della Pianificazione prende il nome di Piano, e segue una dissertazione su questa metodologia, analizzata sia nella sua dimensione descrittiva che in quella più propriamente quantitativa. <br>Il quarto capitolo prende in considerazione la Programmazione (per alcuni autori Pianificazione di breve periodo) e la sua metodologia principale: il budget. Dopo aver motivato l’importanza dell’implementazione di tale strumento in azienda, descrivendo le funzioni perseguite attraverso il budget, vengono analizzati i budget elementari (i budget operativi, i budget degli investimenti e i budget finanziari) per giungere, poi, alla formulazione del master budget e della situazione patrimoniale preventiva. <br>la seconda parte si concentra su un caso pratico, prendendo in riferimento un’azienda familiare del settore oleario, vogliamo dimostrare come anche nelle realtà medio/piccole sia indispensabile la componente manageriale. Di questa azienda abbiamo evidenziato le criticità, frutto di scelte passate non razionali che hanno condotto l’azienda in questa fase iniziale di crisi; e cerchiamo di proporre alcuni suggerimenti che potrebbero portare miglioramenti nella gestione dell’azienda. <br>L’oleificio, presente nella realtà lucchese da più di un secolo, si è sempre contraddistinto per la qualità del prodotto, ha sempre messo in primo piano il processo produttivo, attraverso importanti investimenti in macchinari ed impianti, rendendolo uno dei più sofisticati in Italia e non solo. Non ha prestato, invece, particolare attenzione alla gestione, alla managerialità e all’aspetto organizzativo; che siano proprio queste le cause della diminuita redditività dell’azienda nell’ultimo periodo?<br>In questa parte applicativa non abbiamo utilizzato i sofisticati strumenti del controllo di gestione, ci siamo avvalsi essenzialmente del bilancio di esercizio. Questo per dimostrare come: anche solo questo semplice documento, se opportunamente rielaborato, letto e interpretato, possa fornire una molteplicità di informazioni rilevanti da utilizzare come base in un primordiale Sistema di Pianificazione, Programmazione e Controllo. Si vuole sottolineare l’importanza della formazione del personale aziendale, soprattutto quello dirigenziale, che deve iniziare ad acquisire confidenza con i più semplici strumenti di controll<br>
File