logo SBA

ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-11102022-165031


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
LENA, BEATRICE
URN
etd-11102022-165031
Thesis title
Moneta, valuta e cripto-assets. Profili giuridici di un’evoluzione in atto
Department
GIURISPRUDENZA
Course of study
GIURISPRUDENZA
Supervisors
relatore Prof.ssa Favaro, Tamara
Keywords
  • crypto-assets
  • stablecoins
  • central bank digital currency
  • euro digitale
  • moneta elettronica
  • valuta virtuale
  • MiCa
  • funzione monetaria
  • stabilità finanziaria
Graduation session start date
05/12/2022
Availability
None
Summary
L’elaborato si propone di analizzare il complesso percorso regolamentare e normativo che ha riguardato il mercato delle cripto-attività.
I crypto-assets hanno posto nuove sfide tecnologiche che hanno messo in discussione le regole tradizionali pensate per un’epoca predigitale e non più idonee a gestire i nuovi rischi che questi assets possono presentare. Ciò ha provocato significative reazioni da parte delle autorità di vigilanza e del legislatore nazionale e europeo. In primo luogo, si è resa necessaria la sottoposizione agli obblighi antiriciclaggio anche per le transazioni in valute virtuali, in virtù del fatto che le criptovalute, grazie all’anonimato che garantiscono, possono essere facilmente utilizzate per compiere attività illecite. Ciò è avvenuto con l’emanazione della V Direttiva antiriciclaggio, recepita all’interno dell’ordinamento italiano con il d.lgs. 125/2019. Tuttavia, la V Direttiva, seppur contribuisce a ridurre l’incertezza normativa che riguarda il fenomeno delle valute virtuali, si limita a fornirne una definizione giuridica e a sottoporre i prestatori in valute virtuali al rispetto della normativa antiriciclaggio, lasciando il mercato delle cripto-attività ancora fortemente deregolamentato. Pertanto, la mancanza di una disciplina giuridica ad hoc che possa offrire un adeguato livello di certezza giuridica in ordine all’impiego di tali strumenti e la diffusione di una nuova categoria di crypto-asset, ovvero gli stablecoins, potenzialmente capaci di divenire nuovi strumenti di pagamento, ha suscitato approfondite riflessioni condotte soprattutto a livello istituzionale relative alla proposta della Banca Centrale Europea di introdurre un euro digitale e alla proposta della Commissione Europea di emanare un Regolamento relativo al mercato delle cripto-attività. La proposta della Banca Centrale ha come obiettivo essenziale quello di emettere una valuta digitale in grado di funzionare da complemento, piuttosto che da sostituto, della valuta legale. La seconda invece si propone di creare un regime armonizzato per quei crypto-assets che si caratterizzano per una funzione di pagamento i c.d. payment tokens, e per quelli non includibili nella legislazione finanziaria, ovvero gli utility tokens, al fine di favorire l’innovazione tecnologica ma al contempo tutelare gli investitori, i consumatori, nonché di preservare la stabilità finanziaria e la politica monetaria. Il presente elaborato, dunque, si incentra sull’analisi di queste due proposte che, qualora fossero emanate, potrebbero determinare un profondo mutamento nel settore bancario e finanziario, specie nel settore dei pagamenti.
File