ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-11102015-234909


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
BARNABA, SARA
URN
etd-11102015-234909
Title
Interazione di giovani cloni di Cymodocea nodosa (Ucria) Asch. con specie algali native e invasive del genere Caulerpa
Struttura
BIOLOGIA
Corso di studi
BIOLOGIA MARINA
Commissione
relatore Prof. Lardicci, Claudio
relatore Dott.ssa Balestri, Elena
Parole chiave
  • propagule pressure
  • caulerpa cylindracea
  • caulerpa prolifera
  • relative interaction index
  • cymodocea nodosa
Data inizio appello
10/12/2015;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
10/12/2018
Riassunto analitico
La pressione dei propaguli e l&#39;habitat sono possibili fattori che <br>influenzano il successo invasivo di specie introdotte. Il presente studio è <br>stato condotto, in ambiente controllato (microcosmi), al fine di ampliare le <br>conoscenze sull&#39;impatto della pressione dei propaguli dell&#39;alga marina Caulerpa <br>cylindracea, specie di recente introduzione nel Mediterraneo e di Caulerpa <br>prolifera, specie nativa ma dotata di capacità invasiva, sull&#39;accrescimento di <br>cloni della fanerogama marina Cymodocea nodosa. Inoltre sono stati studiati gli <br>effetti dell&#39;habitat (C. nodosa vs. substrato nudo) e della pressione dei <br>propaguli sul successo invasivo di C. cylindracea. Per l’allestimento di <br>microcosmi sono stati utilizzati propaguli vegetativi delle due specie algali e <br>rizomi apicali di C. nodosa raccolti in ambiente naturale. Un frammento di <br>rizoma di C. nodosa è stato piantato nei microcosmi, circa un mese dopo sono <br>stati introdotti 1 o 3 propaguli di C. cylindracea o C. prolifera. Lo stesso <br>numero di propaguli è stato introdotto nel substrato nudo. Un trattamento <br>aggiuntivo in cui era presente solo C. nodosa è stato utilizzato come <br>controllo. I trattamenti sono stati replicati tre volte e l&#39;esperimento <br>replicato in due ampie vasche (mesocosmi). Alla fine dell&#39;esperimento sono <br>state rilevate le principali caratteristiche morfologiche e architettoniche <br>delle tre specie esaminate e sono stati calcolati gli indici relativi di <br>interazione (RII) per le variabili esaminate.
File