logo SBA

ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-11032023-174814


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
CAPPUCCIO, GAIA
URN
etd-11032023-174814
Thesis title
Una nuova stagione creativa nel giudizio in via incidentale
Department
GIURISPRUDENZA
Course of study
GIURISPRUDENZA
Supervisors
relatore Prof. Dal Canto, Francesco
Keywords
  • ordinanza 97/2021
  • ordinanza 132/2020
  • sentenza 222/2018
  • sentenza 41/2021
  • sentenza 10/2015
  • caso Cappato
  • rime adeguate
  • doppia pronuncia
  • ordinanza di rinvio a data fissa
  • manipolazione temporale
  • rime obbligate
  • Corte costituzionale
Graduation session start date
04/12/2023
Availability
Withheld
Release date
04/12/2093
Summary
Con il presente lavoro si intende analizzare il nuovo cambio di stagione che è emerso nella prassi giurisprudenziale. L’elaborato si pone l’obiettivo di ricostruire l’evoluzione delle tecniche decisorie nel giudizio incidentale, riservando, tuttavia, una trattazione speciale a quell’inedita “doppia pronuncia a termine” inaugurata con il caso Cappato. Nella parte introduttiva si rievocano le ataviche radici della giustizia costituzionale. Nel primo capitolo si passano in rassegna le numerose tecniche decisorie emerse nella prassi a partire dalla sentenza n. 8 del 1956. Il secondo capitolo si sofferma sui mutamenti che hanno indotto la dottrina a parlare di una nuova stagione creativa. Ci si sofferma, in particolare, sull’allentamento del limite crisafulliano delle “rime obbligate” e sulle novità riguardanti la modulazione degli effetti temporali delle declaratorie di illegittimità. Nel terzo capitolo si prosegue poi con lo studio della nuova “doppia pronuncia” inaugurata con l’ordinanza n. 207 del 2018 e la sentenza n. 242 del 2019 cercando di comprendere se sia opportuno proclamare l’introduzione di una nuova tecnica. Si evidenzia, infine, che la convivenza di strumenti decisori vecchi e nuovi impone oggi più che mai un riordino delle tecniche decisorie di cui può disporre la Corte.
File