ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-11032016-100458


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
MARTINO, AMANDA
URN
etd-11032016-100458
Title
Valutazione dell'influenza della taglia sulla manifestazione dei comportamenti indesiderati nel cane domestico
Struttura
SCIENZE VETERINARIE
Corso di studi
MEDICINA VETERINARIA
Commissione
relatore Dott. Gazzano, Angelo
correlatore Dott.ssa Mariti, Chiara
controrelatore Prof. Sighieri, Claudio
Parole chiave
  • razze
  • breed
  • undesirable behaviour
  • size
  • questionnaire
  • dog
  • questionario
  • taglia
  • comportamenti indesiderati
  • cane
Data inizio appello
16/12/2016;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Lo scopo di questa ricerca è stato quello di valutare l’influenza della taglia (piccola, media e grande) sulla manifestazione dei comportamenti indesiderati nel cane. I dati ottenuti tramite 1156 questionari anonimi compilati dai proprietari sono sati analizzati statisticamente mediante il test di Kruscal Wallis (p&lt;0,05) e il test di Mann Whitney (p&lt;0,05). È emerso che i cani di piccola taglia esibiscono con maggior frequenza i seguenti comportamenti: defecare, urinare e marcare in casa, fare troppe feste al rientro dei proprietari, non obbedire ai comandi, mordicchiare parti del corpo delle persone, leccare insistentemente la bocca e altre parti del corpo del proprietario, abbaiare se lasciato solo, abbaiare insistentemente (non da solo), inseguirsi la coda, mimare l’atto sessuale, abbaiare ad altri cani, tentare di mordere altri cani, ringhiare contro altri cani, mostrare paura del veterinario/ambulatorio veterinario, non gradire l’entrata di persone, soprattutto estranei, nel suo territorio, difendere uno o più oggetti che considera suoi. I cani di taglia grande manifestano maggiormente i seguenti comportamenti: saltare addosso ad altre persone, scavare buche, mordicchiare oggetti, inseguire veicoli/biciclette/persone, mangiare le proprie feci, distruggere oggetti se lasciato solo, tirare al guinzaglio, inseguirsi la coda, correre dietro ai gatti, rizzare il pelo quando incontra altri cani. Il comportamento dei proprietari è considerato come una possibile causa della manifestazione dei comportamenti indesiderati nel cane. In base a questi risultati i veterinari comportamentalisti dovrebbero enfatizzare l’importanza sia dell’etogramma del cane, sia della socializzazione intraspecifica, soprattutto con i proprietari di cani di taglia piccola.<br>The aim of this study was to evaluate the effects of the size of the dog (small, middle and large) on the expression of undesirable behavior. Data obtained by 1156 anonymous questionnaires filled in by dog owners were statistically analyzed by using the Kruscal Wallis test (p&lt;0,05) and the Mann Whitney test (p&lt;0.05). It emerged that small dogs exhibit more frequently the following behaviours: house soiling, exaggeratedly jumping-up on owners when they come back, not obeying commands, chewing people’s body parts, licking insistently the mouth and other parts of owners’ body, barking when left alone, barking insistently (when not alone), tail chasing, mounting and humping, barking at other dogs, attempting to bite other dogs, growling at other dogs, fearing veterinarians/veterinary clinics, disliking when people (especially strangers) enter their territory, defending one or more objects considered as their own. Large dogs show more frequently the following behaviours: jumping-up on other people, digging holes, chewing objects, chasing vehicles/bicycles/people, eating their own feces, destroying objects when left alone, pulling on the leash, tail chasing, chasing cats, bristling when meeting other dogs. The owner’s behaviour is regarded to be a possible cause of unfavourable behaviour in dogs. Based on these results, the veterinary behaviorists should emphasize the importance of the ethogram and the intraspecific socialization, especially with smaller dog owners.
File