logo SBA

ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-10262019-173531


Thesis type
Tesi di specializzazione (4 anni)
Author
BOSCO, ANTONELLA
URN
etd-10262019-173531
Thesis title
Analisi dell'espressione dell'iNOS nelle cellule di Langerhans per lo studio della vitalità dei solchi da impiccamento
Department
PATOLOGIA CHIRURGICA, MEDICA, MOLECOLARE E DELL'AREA CRITICA
Course of study
MEDICINA LEGALE
Supervisors
relatore Prof.ssa Pinchi, Vilma
correlatore Prof. Bacci, Stefano
Keywords
  • iNOS
  • solchi da impiccamento
  • cellule di Langerhans
  • vitalità dei solchi
Graduation session start date
19/11/2019
Availability
Withheld
Release date
19/11/2089
Summary
La diagnosi di vitalità di una lesione e la sua datazione rappresentano oggetto di grande interesse ed una delle questioni più dibattute in ambito forense, in quanto risulta spesso determinante nella risoluzione di casi giudiziari. La diagnosi differenziale tra lesioni vitali e post-mortali è fondata sull’analisi globale ed integrata dei cosiddetti caratteri macroscopici, microscopici, istochimici, biochimici, radioimmunologici e immunoistochimici di vitalità. Gli esami macroscopici ed istologici spesso non permettono di distinguere tra lesioni vitali e lesioni post mortali. Numerosi studi sulla vitalità delle ferite presenti in letteratura hanno preso in considerazione alcune molecole coinvolte nel processo di coagulazione o nell’infiammazione. I makers della vitalità delle ferite cutanee e la metodologia di ricerca utilizzata per la loro determinazione sono ancora oggi oggetto di dibattito in patologia forense. Alcuni nuovi marcatori sembrano essere promettenti. Tuttavia ad oggi, nessun marcatore ha dimostrato di essere completamente affidabile, poiché i risultati dei vari studi sono contraddittori soprattutto a causa della mancanza di riproducibilità, mentre alcuni studi sono ancora preliminari e pertanto manca una casistica sufficientemente adeguata. L'immunoistochimica sembra essere ad oggi la metodica di indagine per la diagnosi di vitalità delle ferite più promettente, data la sua facile applicabilità e la possibilità di analizzare la localizzazione delle molecole di interesse. Studi precedenti hanno valutato il solco da impiccamento come una possibile condizione di limine vitae, paragonabile ad una ferita vitale occorsa tra gli 0 e i 5 minuti prima del decesso. Scopo di questa tesi è quello di valutare, dal punto di vista immunoistochimico, l’espressione dell’ossido nitrico sintasi inducibile (iNOS), noto “messaggero di morte”, all’interno delle cellule di Langerhans come possibile marker di vitalità dei solchi da impiccamento.
File