ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-10242013-104327


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
PACE, ANTONELLA
URN
etd-10242013-104327
Title
Esposizione ad inquinanti indoor: valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e tutela della salute respiratoria degli scolari.
Struttura
SCIENZE DELLA TERRA
Corso di studi
SCIENZE E TECNOLOGIE PER L'AMBIENTE ED IL TERRITORIO
Supervisors
relatore Prof. Viegi, Giovanni
Parole chiave
  • IAQ
  • indoor
  • children
  • school
  • epidemiology
Data inizio appello
08/11/2013;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
Riassunto analitico

Background: L’inquinamento indoor è una delle principali cause di effetti negativi sulla salute. Le fasce a rischio della popolazione, come i bambini, sono maggiormente suscettibili all’inquinamento indoor, e la loro prolungata permanenza in ambienti confinanti li espone per ampi archi temporali a fonti di inquinanti indoor che ne minacciano la salute. Nonostante la comunità scientifica abbia prodotto numerosi studi e individuato associazioni significative tra esposizione a inquinanti indoor e malattie respiratorie, è opportuno condurre ulteriori indagini per implementare le linee guida atte alla prevenzione e alla tutela dei bambini nella scuola, al fine di creare un ambiente sicuro e confortevole dove possano realizzare uno sviluppo fisico e culturale ottimale.

Scopo: Lo scopo del presente elaborato è la valutazione dello stato di salute respiratoria e allergica in alunni delle scuole primarie e secondarie nella scuola, in relazione alla presenza di fonti inquinanti indoor e outdoor, che deteriorano la qualità dell’aria respirabile, e alle caratteristiche degli edifici scolastici.

Materiali e metodi: per lo svolgimento della presente tesi sono stati utilizzati i seguenti strumenti: un questionario inerente la salute respiratoria e allergica degli alunni compilato dagli stessi alunni, un questionario sulla salute respiratoria e allergica e sui fattori di rischio domestico compilato dai genitori, e un questionario relativo alle caratteristiche della scuola compilato dai Dirigenti scolastici; i parametri di esposizione e gli inquinanti utilizzati nel presente elaborato, per i quali sono state determinate le concentrazioni sono: PM2.5, CO2, umidità relativa e temperatura. Il campione oggetto di studio è costituito da 2132 alunni afferenti alle 53 scuole indagate all’interno del Progetto Indoor-School, approvato dal Centro di Controllo delle Malattie (CCM) all’interno del programma CCM 2010. I dati raccolti sono stati elaborati per mezzo del programma statistico SPSS.

Risultati: I risultati evidenziano una prevalenza del 7.2% di diagnosi di asma riportata dai genitori, del 7.6% di sibili o fischi negli ultimi 12 mesi, dell’8.9% di diagnosi di rinite e del 21.1% di problemi nasali frequenti negli ultimi 12 mesi. Tra i bambini con diagnosi di asma (n=149) il 20.8% riporta di aver avuto almeno una volta un attacco di asma in ambiente scolastico. Tramite le analisi bivariate (Pearson Chi-Square, test dell’ANOVA) sono emerse associazioni significative tra sintomi o patologie degli alunni (diagnosi di asma e di rinite, sibili o fischi, problemi nasali frequenti, tosse o catarro, difficoltà di respiro, dermatiti, tosse irritativa, sintomi relativi a occhi, naso e gola e mal di testa) e parametri ambientali che caratterizzano le scuole in esame (traffico veicolare, ristrutturazione, sistemi di riscaldamento, condizionamento e ventilazione, presenza di scarafaggi, luoghi o classi molto polverosi, presenza di muffe, fumo di tabacco, strutture inquinanti in prossimità della scuola). Inoltre, sono state riscontrate associazioni tra gli stessi sintomi o patologie degli alunni e variabili di esposizione ambientale misurati oggettivamente (PM2.5, CO2, temperatura e umidità relativa).

Conclusioni: I risultati ottenuti nello svolgimento dello studio oggetto della presente tesi, hanno evidenziato che la scarsa qualità dell’aria indoor, unitamente alle condizioni igieniche e strutturali delle scuole, hanno significativi effetti deleteri sulla salute respiratoria e allergica degli scolari che spendono tanta parte del loro tempo in questi ambienti.
File