ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-10202015-154447


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
VANZI, SILVIA
URN
etd-10202015-154447
Title
Progettazione e sintesi di derivati 1,2,4-triazolici come inibitori della proteina chinasi recettoriale KIT
Struttura
FARMACIA
Corso di studi
CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE
Commissione
relatore Prof.ssa La Motta, Concettina
relatore Dott. Coviello, Vito
Parole chiave
  • GIST
  • KIT
Data inizio appello
11/11/2015;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
11/11/2018
Riassunto analitico
Il lavoro oggetto della mia tesi sperimentale è stato dedicato alla progettazione ed alla sintesi di <br>nuovi composti a nucleo 1,2,4-triazolico, pensati come inibitori della proteina chinasi recettoriale <br>KIT, la cui de-regolazione è causa riconosciuta dell’insorgenza del tumore stromale <br>gastrointestinale (GIST), molto studiato negli ultimi anni. Riconosciuto come neoplasia rara, il GIST <br>si presenta con un’incidenza di 14-20 persone/milione, soprattutto fra gli individui di età compresa <br>fra i 60 e i 65 anni e con una lieve preponderanza per i maschi. Nella maggior parte dei casi, 90% <br>circa, il GIST ha origine da una mutazione nel gene c-kit, codificante per l’omonima proteina <br>chinasi recettoriale, che induce una modifica nella proliferazione cellulare. L’inibizione di questa <br>specifica proteina chinasi rappresenta pertanto un approccio mirato ed efficace per contrastare lo <br>specifico difetto genetico presente nel tumore.<br>I nuovi inibitori di KIT descritti in questo lavoro di tesi sono stati sviluppati a partire dal derivato <br>1,2,4-triazolico DP01920, identificato dai nostri laboratori di ricerca come inibitore ad ampio <br>spettro di proteine chinasi grazie ad uno studio di virtual screening, condotto in collaborazione con <br>l’Università di Napoli.Studi di docking più approfonditi, condotti specificamente sul sito catalitico della proteina target,hanno consentito di progettare nuovi derivati analoghi. Questi, caratterizzati dalla presenza di un sostituente fenilureidico sulla porzione tiofenilica della molecola, risultano maggiormente affini al sito di legame di KIT che, a differenza di DP01920, riempiono completamente grazie al gruppo sostituente addizionato.
File