logo SBA

ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-10182023-222620


Thesis type
Tesi di specializzazione (4 anni)
Author
FOSSATI, LOREDANA
URN
etd-10182023-222620
Thesis title
Teleriabilitazione in pazienti affetti da grave trauma cranio-encefalico: studio pilota
Department
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Course of study
MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA
Supervisors
relatore Prof. Chisari, Carmelo
relatore Dott. Posteraro, Federico
Keywords
  • grave cerebrolesione acquisita
  • trauma cranio-encefalico
  • teleriabilitazione
  • riabilitazione cognitiva
Graduation session start date
06/11/2023
Availability
Withheld
Release date
06/11/2063
Summary
Il trauma cranio-encefalico rappresenta una delle principali cause di morte e di disabilità nei giovani adulti. Superato l’evento acuto, infatti, i pazienti possono presentare deficit di varia natura che inficiano il ritorno alla quotidianità. Tra questi, i disturbi cognitivi sono quelli che maggiormente impattano il recupero funzionale, la qualità di vita e il reinserimento sociale; i pazienti devono affrontare un lungo percorso riabilitativo, che non sempre è possibile garantire. Le nuove tecnologie con i servizi di telemedicina e teleriabilitazione rappresentano un’opportunità a tale esigenza.
In questo lavoro di tesi è stata valutata la fattibilità e l’accettabilità di un trattamento per le funzioni cognitive di persone affette da grave trauma cranio-encefalico erogato in teleriabilitazione. Sono stati ricavati, inoltre, dati preliminari relativi all’efficacia del trattamento rispetto al trattamento convenzionale. I risultati dello studio suggeriscono come il trattamento in teleriabilitazione sia fattibile e accettato dagli utenti, in particolare, dai più giovani, con un buon livello di soddisfazione e non risultano differenze significative di efficacia rispetto ad un programma convenzionale. In effetti, la teleriabilitazione potrebbe essere considerata un'alternativa adeguata in questo tipo di pazienti per garantire la continuità delle cure dopo la dimissione, soprattutto nelle aree poco servite o remote.
File