ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09302008-184735


Thesis type
Tesi di laurea vecchio ordinamento
Author
CAMPIGLI, MICHELA
URN
etd-09302008-184735
Title
Diagnosi coprologica, sierologica e molecolare delle infestazioni da cestodi Anoplocefalidi del cavallo in Toscana e valutazione dell'efficacia di un trattamento farmacologico
Struttura
MEDICINA VETERINARIA
Corso di studi
MEDICINA VETERINARIA
Supervisors
Relatore Prof.ssa Perrucci, Stefania
Parole chiave
  • Toscana
  • cavallo
  • Anoplocefalidi
  • diagnosi
  • nested PCR
  • epidemiologia
  • terapia
Data inizio appello
24/10/2008;
Consultabilità
Parziale
Data di rilascio
24/10/2048
Riassunto analitico
Recenti studi hanno evidenziato la patogenicità dei cestodi Anoplocefalidi nel cavallo ma non è ancora disponibile un test diagnostico caratterizzato da una sensibilità elevata e poco si conosce riguardo la loro prevalenza in Italia.
Al fine di valutare la presenza di questi parassiti in Toscana, nel periodo compreso tra Novembre 2004 e Giugno 2006 sono stati analizzati 224 campioni fecali individuali raccolti ogni sei mesi da alcuni cavalli allevati in tre diverse tipologie di allevamento (stato brado, box e paddock e solo in paddock). I campioni sono stati analizzati utilizzando una delle tecniche più sensibili di diagnosi copro-microscopica. Quarantuno dei cavalli risultati positivi sono stati trattati con una associazione di Ivermectina + Praziquantel (Equimax®, VIRBAC).
Anoplocephala perfoliata e Anoplocephalides (Paranoplocephala) mamillana sono risultate presenti nel territorio toscano; A. perfoliata è risultata la specie più frequente con una prevalenza totale pari al 20,53% dei campioni esaminati. Gli animali allevati allo stato brado hanno mostrato le prevalenze minori. I cavalli trattati ed esaminati entro un mese dalla somministrazione del farmaco sono risultati negativi.
Al fine di individuare una tecnica più sensibile per la diagnosi di A. perfoliata, su 42 campioni fecali esaminati con la tecnica copro-diagnostica è stata applicata per la prima volta in questo studio una tecnica di nested-PCR, mentre sul siero di 25 di questi soggetti è stato effettuato anche il test ELISA per la ricerca degli anticorpi specifici.
Inoltre, su 18 di questi cavalli risultati positivi e trattati, è stata valutata l’efficacia del trattamento con Equimax ® (VIRBAC) utilizzando i metodi diagnostici copromicroscopico e nested-PCR su tutti i campioni e su 8 di loro anche il test ELISA.
Tutti gli animali risultati positivi all’esame copro-microscopico (26) sono risultati positivi anche alla nested-PCR, mentre uno dei 16 campioni risultati negativi all’esame copro-microscopico è risultato positivo alla PCR. Tutti gli animali trattati (18) sono risultati negativi ad entrambi gli esami.
Tutti gli animali risultati positivi e non trattati sono risultati positivi al test ELISA. Tuttavia, valori di alta densità ottica sono stati ottenuti anche in tre cavalli risultati negativi all’esame copro-microscopico e molecolare ed in quattro dei cavalli trattati.
I risultati ottenuti indicano la presenza dei cestodi Anoplocefalidi del cavallo in varie tipologie di allevamento della Toscana. La prevalenza osservata in questo studio per A. perfoliata risulta essere del 20,53%, un valore paragonabile a quello osservato in altri paesi Europei quando viene utilizzato il metodo copro-diagnostico. La diagnosi molecolare mediante PCR per la ricerca di DNA di A. perfoliata in campioni fecali prelevati da cavalli naturalmente infetti si è rilevata promettente e vantaggiosa rispetto ai metodi copro-microscopici e sierologici utilizzati
File