ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09292011-134207


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
TOFANI, MICHELE
URN
etd-09292011-134207
Title
Livelli circolanti di Gamma-Glutamil Transferasi, Sindrome Metabolica ed aterosclerosi carotidea subclinica in pazienti ad alto rischio cardiovascolare
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Pedrinelli, Roberto
Parole chiave
  • rischio cardiovascolare
  • sindrome metabolica
  • aterosclerosi carotidea
  • GGT
Data inizio appello
18/10/2011;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
18/10/2051
Riassunto analitico
La GGT è uno degli enzimi di funzionalità epatica storicamente associato all&#39; assunzione di alcol e alla patologia epatica sia alcol correlata che non. La quota sierica dell&#39;enzima è legata ad alcune proteine di trasporto quali l&#39;albumina, mentre la frazione cellulare si trova in massima parte sul versante esterno della membrana plasmatica delle cellule dove catalizza la reazione di idrolisi del legame tra acido glutammico e la cisteinil-glicina del tripeptide tiolico glutatione (GSH) che è il principale antiossidante cellulare. Il ruolo fisiologico della GGT è quindi quello di catalizzare il primo step della degradazione extracellulare del GSH. Una delle funzioni chiave della GGT è quindi quella di agire come un antiossidante in quanto permette il riciclo dei peptidi che si ottengono dal catabolismo del GSH a formare nuovo glutatione. D&#39;altro canto recenti studi hanno messo in evidenza come in realtà le gamma-GT abbiano un duplice ruolo in questo senso : oltre a garantire la concentrazione di GSH nelle cellule, le GGT possono avere, paradossalmente, anche un ruolo pro-ossidante. Questa azione è la diretta conseguenza della formazione di cisteinil-glicina a seguito della scissione del glutatione ad opera della ggt. La cisteinil glicina infatti, in presenza di ferro libero, conduce alla formazione dei ROS, cioè le specie reattive dell&#39;ossigeno che agiscono come potenti ossidanti molecolari. E&#39; stato inoltre riportato in numerosi studi che questa via biochimica &#34;collaterale&#34; al catabolismo del GSH conduce, mediante la formazione di perossido di idrogeno, alla ossidazione delle LDL all&#39;interno delle placche ateromatose favorendo in tal modo il processo di aterogenesi con relativo aumento delle foam cells. Oltre all&#39;azione anti e pro- ossidante, le GGT hanno un documentato ruolo pro-infammatorio nella misura in cui mediano la conversione del leucotriene C4 nel leucotriene D4.<br><br>
File