ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09282013-002021


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
FERRARI, FEDERICA
URN
etd-09282013-002021
Title
Effetto della chirurgia bariatrica sulle concentrazioni sieriche di Insulin-like Growth Factor Binding Protein 2 (IGFBP 2)
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Santini, Ferruccio
Parole chiave
  • chirurgia bariatrica
  • metabolismo
  • calo ponderale
  • IGFBP 2
Data inizio appello
15/10/2013;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
L’obesità è un importante problema di salute pubblica, in quanto si associa ad un aumentato rischio di sviluppare importanti comorbidità con conseguente aumento della mortalità.<br>La chirurgia bariatrica sta assumendo sempre maggior importanza nel trattamento delle forme di obesità grave. L’intervento chirurgico permette di ottenere un marcato calo ponderale, stabile nel tempo ed un miglioramento o risoluzione del diabete mellito di tipo 2. I meccanismi responsabili di tali miglioramenti non sono ad oggi completamente noti: l’ipotesi principale coinvolge le variazioni degli ormoni del tratto gastro-intestinale (GLP-1, GIP, PYY, grelina, colecistochinina), della leptina, dell’insulina e probabilmente di altri ormoni non ancora caratterizzati. <br>L’IGFBP 2, appartiene ad una famiglia di sei proteine di trasporto degli IGFs e sembra svolgere un ruolo nel controllo metabolico: in modelli murini l’IGFBP 2 si è dimostrata in grado di proteggere dallo sviluppo dell’obesità, promuovere il calo ponderale e migliorare il profilo glicemico.<br>Scopo di questa tesi è stato quello di misurare, per la prima volta, in un gruppo di pazienti affetti da obesità grave (50 soggetti con IMC medio di 47,53 ± 7,3 kg/m2) , le eventuali variazioni dei livelli sierici di IGFBP-2 (misurati con metodica ELISA) prima e dopo intervento bariatrico di bypass gastrico. Lo studio è stato condotto fino ad un anno dall’intervento con particolare attenzione alla finestra temporale (0-3 mesi) durante la quale sono attesi i maggiori rimaneggiamenti degli ormoni regolatori del peso e delle funzioni metaboliche.<br>I nostri risultati mostrano che i livelli di IGFBP-2 aumentano parallelamente all’aumentare dell’età e sono significativamente più bassi nei grandi obesi (179,7 ± 13,5 ng/ml) rispetto ai soggetti normopeso. Dopo bypass gastrico i livelli di IGFBP 2 aumentano significativamente (aumento medio del 77%) tre giorni dopo intervento (346,2 ± 34,6 ng/ml) e si normalizzano molto precocemente durante il follow up.<br>In conclusione, i nostri dati supportano l’ipotesi che, nel paziente grande obeso, l’IGFBP 2 possa essere uno dei mediatori coinvolti nella perdita di peso e nel miglioramento del diabete, rivestendo un ruolo nel raggiungimento dei risultati che seguono la chirurgia bariatrica. In questo caso l’IGFBP 2 non sarebbe più da considerare soltanto una proteina di trasporto ma svolgerebbe un’azione in qualità di vero e proprio ormone.<br>
File