ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09272017-193920


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
COCCIARO, LORENA
URN
etd-09272017-193920
Title
La dose radiante in radiologia: Analisi dei dati in TC pediatrica
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Caramella, Davide
Parole chiave
  • pediatria
  • Dose radiante
  • TC
Data inizio appello
17/10/2017;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
17/10/2020
Riassunto analitico
Lo scopo di questa tesi è di eseguire un’analisi retrospettiva dei dati dosimetrici in una popolazione di pazienti pediatrici sottoposti ad esami TC.<br>I dati sono stati raccolti utilizzando il software di monitoraggio dose DoseWatch, prodotto dalla General Electrics, e sono stati raccolti 467 esami in un arco temporale da dicembre 2013 al 4 agosto 2017. I dati sono stati elaborati dividendolo per sesso, età, tipologia di esame svolto e dati dosimetrici specifici (CTDIvol, DLP, kV, mA). Maggiore attenzione è stata posta alla TC cranio, confrontando i valori di CTDIvol ottenuti, con i livelli diagnostici di riferimento proposti in altre nazioni. Seguendo quanto indicato nel report del Task Group 204 riguardo l’SSDE (size – specific dose estimate), sono stati calcolati i diametri dei pazienti per poter stimare la dose ricevuta e confrontare quanto questa di discostasse da quella indicata nel dose report.<br>Dall’analisi dei dati è risultato che l’esame maggiormente svolto è la TC cranio; il valore medio di CTDIvol nella popolazione è di 26,46 mGy, di DLP di 507,99 mGy*cm. Analizzando nello specifico la TC cranio, prendendo come livelli di rifermento i protocolli presenti sul sito Image Gently, il 23% degli esami sono risultati essere superiori al livello prefissato. Dal confronto tra CTDIvol e SSDE, risulta che l’indice di correlazione interclasse (ICC) è 0,78 nel fantoccio da 32 cm e 0,98 in quello da 16 cm.<br>Dai dati analizzati è possibile concludere che è già presente una particolare attenzione nell’erogazione della dose nei pazienti pediatrici. Si può inoltre aggiungere che nel futuro è necessario stabilire dei livelli diagnostici di riferimento specifici per questa popolazione e produrre dei protocolli standardizzati che tengano di conto delle dimensioni del paziente.
File