ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09252018-124414


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
PERELLI, SARA
URN
etd-09252018-124414
Title
Il Danno Renale Acuto in Medicina d'Urgenza: Analisi dei fattori prognostici di recupero della funzione renale
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Ghiadoni, Lorenzo
Parole chiave
  • danno renale acuto
  • creatinina
  • AKI
  • rene
Data inizio appello
16/10/2018;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
L’“AKI”, Acute Kidney Injury (danno renale acuto) si identifica in una condizione patologica caratterizzata da una repentina riduzione della funzione renale, che sottende molteplici condizioni patologiche che interessano la struttura e la funzione renale. L’incidenza di AKI varia tra i 5000 casi per milione all’anno per pazienti che non richiedono dialisi a 295 casi per milione all’anno per coloro che necessitano di trattamento dialitico. La frequenza nei pazienti ospedalizzati varia tra l’1 e il 9%. L’AKI non è una singola malattia, ma una sindrome con un ampio spettro nosologico, il quale influenza outcome e prognosi del paziente. Le cause di AKI sono suddivise in tre grosse categorie: l’AKI “pre-renale”, che si sviluppa in seguito ad una riduzione della perfusione renale, l’AKI “renale”, le cui le cause più frequenti sono l’ischemia, la sepsi e i farmaci nefrotossici, l’AKI “post renale”, causata da un'ostruzione acuta delle vie escretrici. Il nostro studio si poneva come obiettivo di individuare tutti i pazienti che accedevano, nel reparto di Medicina d’Urgenza Universitaria, con diagnosi di AKI o che la sviluppavano durante la degenza, al fine di verificare l’esistenza di fattori prognostici di recupero completo della funzione renale dopo l’episodio. Abbiamo arruolato 50 pazienti, che rispondessero ai criteri di diagnosi di AKI delle ultime linee guida della KDIGO, e li abbiamo suddivisi in base al recupero o meno della funzione renale alla dimissione, è emerso come i fattori correlati ad una minor probabilità di recuperano fossero lo sviluppo di un AKI in stadio severo, una età inferiore, un bilancio mediamente più positivo e lo stato settico. Il principale limite che ha condizionato la scarsa significatività statistica dei risultati ottenuti è il campione in esame quantitativamente limitato per l’analisi in sottogruppi e qualitativamente eterogeneo per un’analisi della popolazione nella sua totalità.
File