ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09212017-125627


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
NISI, XHULIANO
URN
etd-09212017-125627
Title
Il defibrillatore sottocutaneo una nuova strategia di prevenzione della morte improvvisa tachiaritmica: Esperienza in una popolazione di pazienti sottoposti ad espianto di defibrillatore transvenoso.
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Dott.ssa Bongiorni, Maria Grazia
Parole chiave
  • Rimozione Transvenosa Elettrocateteri
  • Endoplastite
  • Endocardite
  • Sepsi
  • Fibrillazione ventricolare
  • Defibrillatore Sottocutaneo
  • Morte Cardiaca Improvvisa
  • Infezione Elettrocateteri
  • Defibrillatore Automatico Impiantabile
Data inizio appello
17/10/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Le malattie cardiovascolari rappresentano ancora oggi una delle principali cause di<br>morte nel mondo occidentale e buona parte della mortalità è legata alla morte<br>cardiaca improvvisa (MCI). La defibrillazione precoce è infatti l’unico presidio<br>efficace per l’interruzione di una tachicardia ventricolare senza polso o di una<br>fibrillazione ventricolare nei pazienti che sono andati incontro ad arresto cardiaco.<br>Questo studio si presenta come studio osservazionale e prospettico il cui obiettivo<br>è quello di confrontare 3 popolazioni di pazienti sottoposti all’impianto di<br>defibrillatore sottocutaneo e dimostrare, tramite la raccolta dei dati del follow up<br>eseguito preso il nostro centro l’efficacia e la sicurezza del defibrillatore<br>sottocutaneo quando utilizzato de novo in una popolazione di pazienti con prima<br>indicazione all’impianto di un ICD e in soggetti già portatori di un sistema di<br>defibrillazione transvenoso che è stato rimosso per infezione e/o altra causa.<br>Nel nostro studio abbiamo dimostrato, in una ampia popolazione di soggetti, che la<br>tecnologia del defibrillatore sottocutaneo è ugualmente sicura ed efficace nei<br>pazienti sottoposti al primo impianto ed in quelli che hanno subito la rimozione di<br>un defibrillatore transvenoso per una complicanza del sistema. Anzi, in questo<br>secondo gruppo il defibrillatore sottocutaneo può rappresentare la migliore e talora<br>unica strategia di trattamento alternativo della morte cardiaca improvvisa.
File