ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09202020-212702


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
DI VITA, DARIO
URN
etd-09202020-212702
Title
La Fatigue come marcatore di risposta alla terapia con Vedolizumab in pazienti affetti da malattie infiammatorie croniche dell'intestino
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Supervisors
relatore Prof. Marchi, Santino
Parole chiave
  • ibd-q
  • facit-f
  • vedolizumab
  • mici
Data inizio appello
13/10/2020;
Consultabilità
Secretata d'ufficio
Data di rilascio
13/10/2090
Riassunto analitico
Vedolizumab (VDZ) è attualmente un'opzione terapeutica ampiamente utilizzata per i pazienti con colite ulcerosa (CU) da moderata a grave e malattia di Crohn (MC). La stanchezza è un sintomo comune ed aggravante in questi pazienti, che influisce negativamente sulla loro qualità di vita. Non è mai stata eseguita un'analisi della percezione della fatica durante la terapia VDZ.
Gli obiettivi di questo studio erano valutare se la percezione della fatica potesse essere ridotta durante la terapia con VDZ e se potesse essere associata alla risposta terapeutica.
Tutti i pazienti che hanno iniziato Il VDZ presso l'Ospedale Universitario di Pisa sono stati inclusi prospetticamente in questo studio. Al basale, alla settimana 14 e alla settimana 54, la percezione della fatica è stata valutata mediante la somministrazione del questionario FACIT-F, mentre la qualità della vita con il questionario IBD-Q. Allo stesso tempo, l'attività clinica è stata valutata in termini di Partial Mayo Score (PMS) per UC e Harvey-Bradshaw Index (HBI) per CD. Per valutare l'efficacia terapeutica, tutti i pazienti hanno eseguito una colonscopia alla settimana 54, per valutare la guarigione della mucosa (MH), definita come Mayo Endoscopic Score <2 per UC e come scomparsa delle ulcere per MC. I dati sono mostrati come media ± SEM. Le misure ripetute sono state analizzate mediante ANOVA a due vie seguita da confronti a coppie post-hoc. Le correlazioni sono state testate dalla correlazione di Pearson. L'analisi di regressione logistica è stata utilizzata per stimare la probabilità di raggiungere MH per ogni aumento del punto FACIT-F alla settimana 14.
Abbiamo arruolato 57 pazienti, 39 (68%) con CU e 18 (32%) con MC. I valori FACIT-F indicavano un grave affaticamento (punteggio <30 su 52) al basale in 32 pazienti (56%) e sono aumentati in media di 6 punti (21%) durante il periodo di studio (effetto tempo, p <0,0001). FACIT-F correlato positivamente con i punteggi IBD-Q in ciascun punto temporale (basale: r = 0,76, p <0,0001; settimana 14: r = 0,79, p <0,0001; settimana 54: r = 0,86, p <0,0001) e correlato negativamente con PMS e HBI alla settimana 14 (r = -0,68, p <0,0001 er = -0,61, p = 0,006, rispettivamente) e alla settimana 54 (r = -0,76, p <0,0001 er = -0,59, p = 0,01 , rispettivamente). I valori FACIT-F al basale erano simili nei pazienti che hanno raggiunto MH rispetto a quelli senza MH (p = 0,25). Tuttavia, i pazienti con MH hanno mostrato maggiori miglioramenti nei punteggi FACIT-F (tempo × effetto di gruppo, p <0,0001), che erano significativamente più alti alla settimana 14 (+6 punti, p = 0,009) e alla settimana 54 (+12 punti, p <0.0001). È interessante notare che valori FACIT-F più alti alla settimana 14 sono stati in grado di predire MH alla settimana 54 (OR 1,13 [1,04-1,14] per ogni aumento del punto, p = 0,003)
La terapia VDZ è in grado di ridurre significativamente la percezione della fatica nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali. La valutazione del FACIT-F alla settimana 14 sembra essere affidabile nel predire l'efficacia della VDZ, aprendo la strada a un utilizzo crescente di questo questionario nella pratica clinica.
File