ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09182017-142601


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
CATELLI, CHIARA
URN
etd-09182017-142601
Title
Le infezioni delle ferite in Cardiochirurgia: fattori di rischio, terapia, prognosi.
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Bortolotti, Uberto
correlatore Dott. Celiento, Michele
Parole chiave
  • infection
  • vacuum assisted therapy
  • sternotomy
  • sternotomia
  • muscle flap
Data inizio appello
17/10/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Gli interventi di Cardiochirurgia tendono ad essere eseguiti sempre più frequentemente tramite accessi minimamente-invasivi (MICS: Minimally-Invasive Cardiac Surgery), sebbene la sternotomia mediana, descritta per la prima volta da Milton nel 1897, conservi tuttora il ruolo di protagonista. Una complicazione rara e potenzialmente fatale associata a questo approccio, è lo sviluppo di un’infezione profonda della ferita sternale (DSWI: Deep Sternal Wound Infection), che, nonostante la sua bassa incidenza, è responsabile dell’aumento dei tassi di mortalità e morbidità post-chirurgici, insieme ad altri fattori di rischio correlati a paziente e procedura. Diversi sono gli interventi terapeutici attuabili per porre rimedio alla DSWI: l’antibioticoterapia, la revisione sternale con curetage e debridement della ferita, il rifissaggio sternale, o la chiusura secondaria in seguito a VAC-therapy, con o senza utilizzo di flaps muscolocutanei. Questo studio individua gli esiti dei diversi trattamenti, basandosi sull’incidenza di recidiva, sulla durata dell’ospedalizzazione, sul tasso di mortalità, e sull’incidenza di morbidità in seguito a revisione sternale.
File