ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09082008-181721


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
DOLFI, LORENZO
URN
etd-09082008-181721
Title
La ricostruzione del legamento crociato anteriore con legamento sintetico LARS
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Supervisors
Relatore Prof. Lisanti, Michele
Parole chiave
  • legamento crociato anteriore
  • LARS
  • ricostruzione
Data inizio appello
25/09/2008;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
RIASSUNTO
La lesione del legamento crociato anteriore (LCA) è la più frequente lesione legamentosa del
ginocchio. Poiché i pazienti affetti da lesione del legamento crociato anteriore sono mediamente
giovani e attivi, la scelta terapeutica proposta è generalmente chirurgica.
Negli anni '80 sono stati introdotti vari materiali sintetici sia per la sostituzione protesica del
legamento crociato anteriore (fibra di carbonio, Dacron®, Gore-Tex®), sia come augmentation dei
graft biologici (Leed-Keio e Kennedy augmentation device). Tuttavia, sebbene studi a breve termine
mostrassero risultati clinici migliori rispetto ai graft biologici, l'utilizzo di materiali sintetici era
gravato da una elevata percentuale di complicanze a lungo termine quali fallimenti meccanici
(rottura della componente protesica, perdita di tenuta..), fenomeni flogistici (sinoviti) dovuti al
debritement del materiale ed in ultima analisi artrosi precoce.
Negli ultimi anni in seguito allo sviluppo di nuovi materiali e di tecniche chirurgiche più accurate
è nuovamente cresciuto l'interesse riguardo alla possibilità di utilizzare dei graft sintetici per la
ricostruzione del ligamento crociato anteriore in particolari gruppi di pazienti quali ad esempio
quelli già sottoposti ad un precedete intervento di ricostruzione LCA con graft biologici.
Tra i vari ligamenti di seconda generazione introdotti in commercio quello che per le sue
caratteristiche strutturali più si avvicina all'anatomia ed alla meccanica del legamento crociato
nativo è il LARS®( Ligament Advanced Reinforcement System).
Studi clinici riguardo all'utilizzo del LARS® nella ricostruzione del LCA hanno evidenziato
risultati molto incoraggianti sia a breve termine sia a medio-lungo termine con una notevole
diminuzione sia delle complicanze reattive (sinoviti) sia di quelle meccaniche (rotture dell’impianto
e perdite di tenuta).
Scopo del nostro studio è quello di valutare a distanza i pazienti sottoposti ad intervento chirurgico
di ricostruzione del legamento crociato anteriore con ligamento sintetico LARS® presso la Clinica
Ortopedica di Pisa nel periodo compreso tra gennaio 2003 e dicembre 2006, al fine di valutare
l’efficacia del trattamento e le sue effettive indicazioni.
A tale fine 39 pazienti sono stati sottoposti ad una valutazione clinica soggettiva con 3 schede di
valutazione VAS, KOOS e CINCINNATI, e ad una valutazione clinica obbiettiva (ROM,
tumefazione....) ed ad una valutazione biomeccanica. La valutazione biomeccanica comprendeva
una valutazione dell'instabilità residua del ginocchio mediante l'utilizzo di un artrometro
ROLLIMETER AIRCAST™ ed una valutazione della propriocezione mediante una pedana
baropodometrica ECOSANIT®.
I risultati ottenuti dalla valutazione clinica soggettiva sono stati positivi in un'alta percentuale dei
casi (85%). La valutazione clinica obbiettiva non ha evidenziato nessuna differenza significativa tra
il ginocchio operato e quello controlaterale sano e soprattutto non è stato evidenziato alcun caso di
sinovite. La valutazione biomeccanica non ha evidenziato una differenza statisticamente rilevante
tra il ginocchio sano e quello operato ne in termini di lassità residua ne in termini di alterazione
della propriocezione.
Possiamo quindi concludere che nella ricostruzione del legamento crociato anteriore ligamento
sintetico (LARS ligament®) rappresenta, in pazienti accuratamente selezionati (età maggiore di 35
anni, precedente intervento di ricostruzione del LCA con graft biologico, necessità di un rapido
recupero funzionale), una valida alternativa ai graft biologici.
File