ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09052012-162042


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
BAMBI, LUCIA
URN
etd-09052012-162042
Title
Il carcinoma ovarico in stadio iniziale: analisi del pattern di recidiva e outcome clinico.
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Gadducci, Angiolo
Parole chiave
  • carcinoma ovarico
Data inizio appello
25/09/2012;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
25/09/2052
Riassunto analitico
Il carcinoma ovarico è il sesto più comune tumore femminile a livello mondiale, ma rappresenta la più comune causa di morte per neoplasia ginecologica nei paesi industrializzati. La strategia terapeutica del carcinoma ovarico prevede la chirurgia citoriduttiva primaria, seguita da terapia medica a base di carboplatino e taxolo, ma recenti studi clinici randomizzati di fase III hanno riportato promettenti risultati con l’aggiunta di bevacizumab alla chemioterapia standard.<br>Scopo di questa tesi è stato quello di analizzare quali erano le variabili clinico.-patologiche significative per la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale in funzione delle variabili clinico-patologiche in una serie di 136 pazienti con carcinoma ovarico in stadio avanzato (IIB-IV) sottoposte a una chirurgia citoriduttiva primaria di prima istanza seguita da sei cicli di chemioterapia a base di platino e taxolo. presso la Chirurgia Ginecologica di Pisa tra marzo 1996 e febbraio 2011. <br>L’ analisi multivariata ha dimostrato che la presenza di ascite (RR= 2.4061, IC 95% 1,2883-4.4940) e la malattia residua &gt;1cm (RR= 2.0354, IC 95% 1,0198 -4.0624) sono variabili prognostiche indipendenti per il rischio di morte.<br>La sopravvivenza globale a 5 e 7 anni erano 47% e 45%, rispettivamente, nelle pazienti con ascite clinicamente evidente vs 82% e 69% in quelle prive di ascite (log-rank test= 17.5, p=0.0003) ed erano 79 % e 69% rispettivamente, per le donne con malattia residua &lt;1cm vs 54% e 47% per quelle con residuo di malattia più voluminoso (log-rank test= 12.8, p=0.0003). La citoriduzione chirurgica comportava quindi un beneficio in sopravvivenza alle pazienti nelle quali era stata asportata tutta la malattia macroscopicamente presente.<br>Una sempre maggiore aggressività chirurgica, possibile solo con una proficua e costante collaborazione tra il ginecologo oncologo ed un chirurgo generale dedicato, con la disponibilità di adeguati servizi di rianimazione e di terapia intensiva e l’ utilizzo di terapia a bersaglio molecolare rivolte soprattutto nei confronti del’ angiogenesi, consentiranno in un prossimo futuro di migliorare la prognosi delle pazienti con carcinoma ovarico avanzato.<br>
File