ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09012008-113200


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
CHEMI, GERMANA MARIA
URN
etd-09012008-113200
Title
Platone e le prove dell'immortalità dell'anima nell'Islam medievale.
Struttura
LETTERE E FILOSOFIA
Corso di studi
FILOSOFIA E FORME DEL SAPERE
Commissione
Relatore D'Ancona, Cristina
Parole chiave
  • Platone
  • Islam
  • prove dell'immortalità dell'anima
  • Miskawayh: Kitab al-Fawz al-asgar
  • Prisciano Lido: Solutiones ad Chosroem
  • Proclo: Monobiblon
Data inizio appello
22/09/2008;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Obiettivo della seguente dissertazione, in primo luogo, è l&#39;indagine intorno alla diffusione del testo platonico nell&#39;Islam medievale. Da questo excursus emergerà una certa conoscenza diretta delle opere di Platone nel mondo arabo, e si vedrà in che modo Platone è stato conosciuto, utilizzato e citato dagli eruditi arabi: risulterà chiaro il fatto che il Platone degli arabi non è quello originale,ma un Platone passato attraverso l&#39;interpretazione dei suoi esegeti tardo - antichi.<br>La seconda parte di questo lavoro, invece,è dedicata alla figura di Abu &#39;Ali Ahmad Miskawayh, erudito di origine persiana del X secolo, le cui opere sono ben rappresentative del clima culturale che si venne creando nel mondo arabo - musulmano nel IV secolo del calendario islamico. Una particolare attenzione verrà rivolta al suo Kitab al-Fawz al-asgar: nei capitoli 6 e 7 della seconda parte di questo trattato, infatti, Miskawayh riporta alcune delle dimostrazioni platoniche dell&#39;immortalità dell&#39;anima. Dall&#39;analisi di questo testo e dal confronto con le Solutiones ad Chosroem di Prisciano Lido si vedrà che questi capitoli dipendono da un testo di Proclo, il cui originale greco è perduto, ma la cui traduzione araba è attestata.<br>Infine, vedremo che questo testo di Proclo è stata anche la fonte di altri due testi arabi sull&#39;immortalità dell&#39;anima, giunti a noi in forma anonima.<br>
File