ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-07082016-114233


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
SURACI, SERENA MARIA
URN
etd-07082016-114233
Title
Religione e mafia.
Struttura
GIURISPRUDENZA
Corso di studi
GIURISPRUDENZA
Supervisors
relatore Prof. Consorti, Pierluigi
Parole chiave
  • Ladiana Giovanni
  • Responsabilità dei Vescovi
  • Devozione popolare
  • Fede
  • 'Ndrangheta
  • Scomunica
Data inizio appello
19/09/2016;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
La tesi cerca di individuare la posizione giuridica del crimine organizzato di stampo mafioso nell'ordinamento canonico.
Le note scomuniche pronunciate sia da Papa Giovanni Paolo II sia da Papa Francesco sembrano infatti agire sul piano prevalentemente morale, senza specifiche conseguenze giuridiche. E' stato quindi analizzato il magistero pontificio, mettendolo in relazione con la realtà sociale e culturale in cui si sviluppa il fenomeno della 'ndrangheta. Sotto questo profilo si è cercato di distinguere le pericolose implicazioni dovute alla religiosità devozionale - spesso molto coinvolta nel fenomeno - dalla posizione assunta dalla realtà ecclesiale istituzionale.
La tesi mette in luce come i singoli Vescovi abbiano ancora troppo poco utilizzato la loro competenza giuridica per emanare norme penalmente rilevanti: a questo proposito si suppone una sorta di "linee guida", potenzialmente utili anche a livello nazionale. Si sostiene inoltre l'ipotesi che la timidezza con cui la questione è stata finora affrontata a livello giuridico canonico sia dovuta da un lato alla scarsa sensibilità popolare di contrasto al fenomeno e dall'altro lato allo scarso coraggio istituzionale, compensato tuttavia da quello di alcuni uomini e donne di Chiesa che lottano per una Calabria migliore. In questo senso un capitolo è dedicato a padre Giovanni Ladiana ed alla sua attività di contrasto civile ed ecclesiale alla 'ndrangheta.
File