ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-07012020-135334


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
PARDINI, NICOLE
URN
etd-07012020-135334
Title
Espropriazione per pubblica utilità: l’evoluzione anche alla luce del diritto europeo
Struttura
GIURISPRUDENZA
Corso di studi
GIURISPRUDENZA
Supervisors
relatore Prof.ssa Azzena, Luisa
Parole chiave
  • Diritto amministrativo
Data inizio appello
20/07/2020;
Consultabilità
Secretata d'ufficio
Riassunto analitico
La tesi in esame tratta in prima fase la genesi dell'espropriazione per pubblica utilità dai suoi primi passi nella realtà giuridica romana del 200 a.c con le sue peculiarità, fino ad arrivare ai tempi delle carte europee. In particolare la sua evoluzione nasce nel diritto romano come riportano le antiche fonti per poi arrivare alla prima legge ottocentesca n. 2359 1865 rimasta in vigore fino al 2001, anno di entrata in vigore del Testo Unico sugli espropri n.327 che ha riorganizzato e semplificato il mare magnum normativo che caratterizzava la suddetta materia e prevedendo la creazione di un unico procedimento ablativo ordinario. Ciò detto, sono stati analizzati anche i vari istituti lesivi del diritto di proprietà nati da prassi amministrative illegittime per essere riconosciuti dapprima dai giudici di legittimità e infine tipizzati per la prima volta con l'art 43 poi sostituito, dopo la declaratoria di incostituzionalità, dall'art 42 bis ed alla luce delle piú recenti sentenze del Consiglio di Stato, della Corte Costituzionale e della Corte di Strasburgo è stata fatta un ricognizione di tali istituti lesivi del diritto di proprietà.
In definitiva, data la sensibilità di tale materia è stato utile riportare una sommaria comparazione rilevata da fonti giuridiche sovranazionali di alcuni procedimenti ablativi differenti nel panorama giuridico europeo.

---

The thesis in question deals with the genesis of expropriation for public utility from its first steps in the Roman legal age of 200 BC with its own peculiarities, up to the time of the European papers. In particular, its evolution was born in Roman law as reported by the ancient sources and then came to the first 19th century law n. 2359 1865, wich was in force until 2001.
In this year entered into force the Consolidated Act on expropriations n.327 which reorganized and simplified the regulations that characterized the aforementioned matter and envised the creation of a single ordinary ablative procedure. That said, the various institutes that harm the right of property that arose from illegitimate administrative practices to be recognized first by the judges of legitimacy and finally typed for the first time with art 43 were then analyzed, then replaced, after the declaration of unconstitutionality, by the Article 42 bis and in the light of the most recent judgments of the Council of State, the Constitutional Court and the Court of Strasbourg, a recognition of these institutions detrimental to property rights has been made.
Ultimately, given the sensitivity of this matter, it was useful to report a summary comparison detected by supranational legal sources of some different ablation procedures in the European legal landscape.
File