ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-07012014-215144


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
SONATO, CHIARA
URN
etd-07012014-215144
Title
Velocità di iniezione di Gd-EOB-DTPA a confronto nello studio RM di pazienti cirrotici. Effetti su enhancement del parenchima epatico e su qualità dell'immagine nelle due fasi arteriose.
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Bartolozzi, Carlo
Parole chiave
  • LAVA; Enhancement Ratio; Liver; High Field dynamic
Data inizio appello
22/07/2014;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Obiettivo:<br>L&#39;obiettivo dello studio e stato veri care se di erenti velocita di iniezione (3 mL/s e<br>1,5mL/s) di Gd-EOB-DTPA in<br>uenzano l&#39;Enhancement Ratio (ER) del parenchima<br>epatico, Signal to Noise Ratio (SNR) e la qualita dell&#39;immagine di RM.<br>Lo studio e stato condotto su una popolazione di pazienti cirrotici sottoposti a studio<br>RM con apparecchi 1,5T o a 3T.<br>Materiali e metodi:<br>Sono stati retrospettivamente analizzati gli studi RM mirati alla valutazione del paren-<br>chima epatico condotti nel periodo Settembre 2010 - Settembre 2013. La somministra-<br>zione del mezzo di contrasto e stata e ettuata mediante iniettore automatico; in tutti<br>gli studi sono state acquisite due fasi arteriose (fase arteriosa precoce e fase arteriosa<br>parenchimale) attraverso una metodica prede nita di xed scan delay.<br>Per ciascuna delle due fasi arteriose sono stati calcolati: Enhancement Ratio (ER) del<br>parenchima epatico e del lume dell&#39;aorta addominale e SNR. Inoltre in entrambe le<br>fasi arteriose e stata e ettuata un&#39;analisi qualitativa dell&#39;immagine, mirata a valutare<br>presenza e grado di artefatti.<br>Risultati:<br>Dei 435 pazienti cirrotici che hanno e ettuato lo studio di RM, 249 sono stati considerati<br>idonei per il nostro studio. I pazienti sono stati suddivisi in quattro gruppi in base<br>all&#39;intensita del campo magnetico (1,5T vs 3T) ed alla velocita di iniezione del mezzo di<br>contrasto (1,5mL/sec vs 3mL/sec).<br>Gruppo I: 77 pazienti (1,5 T e 1,5mL/s)<br>Gruppo II: 89 pazienti (1,5T e 3mL/s)<br>Gruppo III: 34 pazienti (3T e 1,5mL/s)<br>Gruppo IV: 49 pazienti (3T e 3 mL/s).<br>La velocita d&#39;iniezione del mezzo di contrasto non ha in<br>uenzato signi cativamente ne<br>gli ERs del parenchima epatico in alcuna delle due fasi arteriose (rispettivamente p:<br>0.9573 e p: 0.0308), ne il SNR del parenchima epatico in alcuna delle due fasi arteriose,<br>ne l&#39;incidenza degli artefatti.<br>Conclusioni:<br>I nostri risultati suggeriscono che la velocita d&#39;iniezione del mezzo di contrasto Gd-EOB-<br>DTPA non determina alterazioni signi cative dell&#39;ERs del parenchima epatico nelle fasi<br>arteriose indipendentemente dall&#39;intensita del campo magnetico utilizzato.<br>L&#39;utilizzo di sequenze dinamiche dedicate ed ottimizzate puo limitare la presenza degli<br>artefatti indipendentemente dalla velocita di iniezione del mezzo di contrasto.
File