ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06302016-153105


Thesis type
Tesi di specializzazione (5 anni)
Author
CORVO, LAURA
URN
etd-06302016-153105
Title
Valutazione della prevalenza dell'allele HLA-B*57:01 in una popolazione di pazienti con infezione da HIV-1
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA
Commissione
relatore Prof. Pistello, Mauro
correlatore Prof. Calza, Leonardo
Parole chiave
  • predict-1
  • screening prospettico
  • farmacogenetica
Data inizio appello
22/07/2016;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
La possibilità di predire la risposta farmacologica di un paziente sulla base del corredo genetico dell’individuo stesso è il concetto base della farmacogenetica. Per farmacogenetica si intende, infatti, lo “studio delle variazioni nelle caratteristiche del DNA in relazione alla risposta ai farmaci”. Lo sviluppo di questa branca della farmacologia generale è derivato innanzitutto dalla notevole quantità di informazioni riguardanti il genoma umano divenute accessibili all’intera comunità scientifica al completamento del Progetto Genoma Umano. Ciò che ha reso veramente possibile l’affermarsi della medicina personalizzata è stato lo sviluppo di nuove tecniche diagnostiche, altamente sensibili, specifiche e poco costose, in grado di analizzare in tempi brevi milioni di polimorfismi collegati al profilo individuale di risposta ad un farmaco.<br>Con l’introduzione dei test genetici nella pratica clinica è possibile valutare a priori il rischio di eventi avversi e quindi di evitare di somministrare farmaci che potrebbero danneggiare il paziente. In Europa il primo test farmacogenetico ufficialmente riconosciuto valido ai fini delle informazioni per l’uso di un farmaco è la ricerca dell’allele HLA-B*57:01 per l’agente abacavir. E’ stato dimostrato infatti che l’allele HLA-B*57:01 in pazienti con infezione da HIV ha un significato altamente predittivo per l’individuazione dei soggetti ipersensibili. Abacavir è un inibitore nucleosidico della trascrittasi inversa, altamente efficace ed è approvato per il trattamento dell’HIV in combinazione con altri antiretrovirali. Sfortunatamente, però, il 4-8% di persone trattate mostrano una reazione di ipersensibilità a questo farmaco. La reazione sistemica avviene nelle prime 6 settimane di trattamento e può condurre a pesanti conseguenze patologiche. Le Linee Guida sull’utilizzo dei farmaci antiretrovirali raccomandano, quindi, fortemente l’esecuzione del test farmacogenetico prima di iniziare una terapia antiretrovirale contenente abacavir.<br>Nell’anno 2014 l’Infettivologo responsabile dell’Ambulatorio di Malattie Infettive dell’Ospedale Maggiore di Bologna (sede distaccata dell’Unità Operativa di Malattie Infettive del Policlinico S. Orsola-Malpighi), in accordo con il Laboratorio Analisi dell’Ospedale Maggiore – settore di Biologia Molecolare e Citogenetica – ha programmato un piano di screening per la ricerca dell’allele HLA-B*57:01. Nel corso dell’intero anno sono stati screenati 788 pazienti afferenti all’Ambulatorio di Malattie Infettive.<br>La procedura di analisi prevede l’estrazione in manuale del DNA dai linfociti di sangue periferico utilizzando il kit QIAamp DNA Blood Mini Kit della ditta QIAGEN (marcato œ IVD). Per l’identificazione dell’allele HLA-B*57:01 è stato utilizzato il kit HISTO TYPE B57 Happy Pack (marcato œ IVD) che sfrutta la tecnologia SSP-PCR (Sequence Specific Primers-PCR). Questo tipo di PCR impiega coppie di primers perfettamente complementari solo con un allele o con un gruppo di alleli, di modo che si verifichi l’amplificazione della sequenza bersaglio solo in presenza della sequenza di interesse. La separazione dei prodotti ottenuti con l’amplificazione è stata effettuata tramite gel di agarosio in elettroforesi orizzontale.<br>Sono stati riportati in un file di Microsoft Excel i risultati ottenuti che hanno permesso di dividere i pazienti in due sottopopolazioni di soggetti positivi e negativi al test. Nell’ambito della sottopopolazione dei soggetti positivi è stata, pertanto, valutata la prevalenza dell’allele HLA-B*57:01. Sono state inoltre analizzate le differenze tra le due sottopopolazioni prendendo in considerazione oltre che l’età, il sesso e la provenienza, anche i seguenti parametri (ottenuti dallo stesso prelievo di sangue): la conta dei linfociti T CD4+, la conta dei linfociti T CD8+, il rapporto CD4+/CD8+ e la carica virale.<br><br>
File