ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06302014-111844


Thesis type
Tesi di dottorato di ricerca
Author
GUAGNOZZI, MARIANGELA
URN
etd-06302014-111844
Title
Mammalian Target of Rapamycin (mTOR) e glioblastoma multiforme
Settore scientifico disciplinare
BIO/16
Corso di studi
NEUROSCIENZE E SCIENZE ENDOCRINOMETABOLICHE
Commissione
tutor Prof. Fornai, Francesco
Parole chiave
  • glioblastoma multiforme
  • autofagia
  • mTOR
Data inizio appello
08/07/2014;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Diversi studi hanno evidenziato la correlazione esistente tra glioblastoma, autofagia e mTOR: è noto da tempo che i gliomi sono resistenti alle terapie che inducono apoptosi, ma meno resistenti a quelle che inducono autofagia. mTOR, per la<br>sua natura di mediatore chiave del signalling di PI3K, di inibitore del processo autofagico e di integratore di segnali di trasduzione e metabolismo cellulare, rappresenta un valido target terapeutico nel trattamento del glioblastoma; inoltre, l’up-regolazione di mTOR è considerata una delle principali alterazioni<br>osservate nel GBM. D’altra parte la rapamicina, un antibiotico macrolide lipofilico, inibitore farmacologico di mTOR e induttore di autofagia, riduce la vitalità cellulare in maniera dose-dipendente e rallenta la crescita tumorale in diversi tipi cellulari. In particolare nelle cellule di glioblastoma, la rapamicina<br>porta all’attivazione delle via autofagica). Dunque si può affermare che la malignità del GBM sia correlata positivamente con l’aumento di<br>attività di mTOR e negativamente con il grado di attivazione della via autofagica. Sulla base di queste evidenze, il presente lavoro di tesi è articolato in due fasi distinte. La prima fase ha avuto lo scopo di valutare la sopravvivenza cellulare e di fornire una caratterizzazione morfologica del modello in vitro utilizzato, una linea cellulare tumorale di glioblastoma umano chiamata U87MG. La seconda fase ha previsto una valutazione del ruolo della via autofagica e del differenziamento delle cellule U87MG. Queste cellule sono state trattate con rapamicina, allo scopo di indurre autofagia mediante inibizione di mTOR.
File