ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06282006-103604


Thesis type
Tesi di laurea vecchio ordinamento
Author
De Caterina, Alberto
URN
etd-06282006-103604
Title
Disfunzione del microcircolo coronarico e alterazione del metabolismo miocardico nella Cardiomiopatia Dilatativa
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
Relatore Dott. Neglia, Danilo
Parole chiave
  • Microcircolo coronarico
Data inizio appello
18/07/2006;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
E’ ormai ben noto, da studi eseguiti con la tomografia ad emissione di positroni (PET), la Cardiomiopatia Dilatativa (DCM) è caratterizzata da una condizione di ridotto flusso miocardico a riposo e di ridotta riserva coronarica durante stress farmacologico. Meno chiaro è invece di che tipo di substrati energetici, in particolare glucidi o lipidi, si serva il cuore affetto da tale malattia per la continua rigenerazione di ATP; i dati in letteratura sembrano comunque orientarsi verso un cronico switch verso il metabolismo glucidico, al contrario di ciò che avviene nel cuore sano.<br>Abbiamo studiato in sala di cateterismo, previa somministrazione di substrati metabolici radiomarcati e mediante prelievi seriati arteriosi e in seno coronarico, 10 pazienti affetti da Cardiomiopatia Dilatativa e 7 soggetti di controllo (normale funzione sistolica, indicazione all’esame coronarografico, coronarie indenni da lesioni emodinamicamente significative) in condizioni basali, durante stress cronotropo, nel recupero da pacing e durante adenosina. I dati indicano, nei pazienti affetti da DCM, un aumento del metabolismo glucidico e una riduzione di quello lipidico a riposo, con quest’ultimo che tende ad aumentare durante il pacing al contrario di ciò che avviene nel gruppo di controllo. Si conferma inoltre, invasivamente, la presenza di un ridotto flusso coronarico a riposo e la ridotta riserva coronarica nei cardiomiopatici.<br>Questo studio entra all’interno di un filone di ricerca ormai affermato, quello della disfunzione microcircolatoria coronarica, e in un altro più recente, che vede il metabolismo miocardico come un possibile nuovo bersaglio terapeutico nella cura della Cardiomiopatia Dilatativa e, più in generale, dell’insufficienza cardiaca.<br>
File