ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06272007-121251


Thesis type
Tesi di laurea vecchio ordinamento
Author
Bandini, Laura
URN
etd-06272007-121251
Title
La valutazione del rischio virologico legato a matrici ambientali: la problematica degli indicatori.
Struttura
SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI
Corso di studi
SCIENZE BIOLOGICHE
Commissione
Relatore Prof.ssa Carducci, Annalaura
Parole chiave
  • rischio virologico
Data inizio appello
16/07/2007;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
La valutazione del rischio di esposizione ad agenti virali è di grande interesse in ambienti occupazionali sanitari (e non), sia per la rilevanza delle patologie virali, sia per la carenza di indicatori affidabili.<br>Da alcuni anni è in corso di studio il possibile impiego del TTvirus come indicatore virale in ambito sanitario, in quanto è presente nell’80% dei soggetti sani ed ha una notevole resistenza ambientale.<br>Studi recenti hanno, inoltre, dimostrato che la trasmissione del TTV avviene principalmente per via orofecale e parenterale; dato, questo, che ci porta ad ipotizzare l’impiego del TTV come indicatore non solo sull’aria e sulle superfici in ambito nocosomiale, ma anche in altre matrici ambientali, quali acque adibite a vari usi, sedimenti, mitili, ecc.<br>Lo scopo di questo lavoro è la ricerca di questo virus nelle diverse matrici ambientali attraverso le attuali tecniche biomolecolari (PCR). Inoltre, poichè queste mettono in evidenza solo la presenza del genoma di TTV e non la sua “infettività”; sono stati allestiti test di resistenza del genoma virale alla disinfezione con prodotti commerciali a concentrazione e a tempi di contatto diversi.<br>Il monitoraggio ambientale di TTV è stato effettuato su aerosol e superfici utilizzando tecniche già standardizzate negli studi precedenti. Oltre alla ricerca di questo virus su questi campioni è stata eseguita in parallelo anche l’analisi di:<br>• indicatori classici di contaminazione biologica, quali la carica batterica totale (in aerosol e superfici ospedaliere), Coliformi Fecali e Totali, Enterococchi, E. coli (in acque di balneazione);<br>• l’emoglobina come indicatore di contaminazione ematica (in superfici ospedaliere):<br>• virus a trasmissione orofecale (Norovirus e Rotavirus) e a diffusione aerea (Adenovirus) in tutte le matrici<br>• parassiti intestinali (Protozoi, larve e uova di elminti) in acque di impianti di depurazione;<br>• influenza virus A in acque di allevamento di volatili; <br>Di seguito i risultati fino ad ora ottenuti sono:<br>1) Ambienti sanitari: l’11,86% dei campioni di superfici (59) e il 24% campioni di aerosol (25) analizzati in due ospedali è risultato positivo al TTV. La correlazione dei campioni positivi per TTV DNA per le superfici, con la carica batterica totale, presenta una notevole divergenza, in alcuni casi la carica batterica è al di sotto di 1UFC/cm2 , in altri casi risulta al di sopra di questo valore; mentre i campioni positivi di aerosol sono, quasi sempre, associati ad alta carica batterica. La scarsa presenza di campioni positivi per virus patogeni non chiarisce le possibili correlazioni tra questi e il TTV DNA.<br>2) Acque di balneazione: i dati ottenuti su 24 campioni hanno evidenziato il 4,1% di campioni positivi al TTV e il 16,6% sono risultati positivi per Adenovirus.<br>3) Acque di impianti di depurazione: su 6 campioni 1 (16,6%) è risultato positivo per TTV.<br>4) Acque di allevamento: la ricerca del TTV è risultata negativa sui 5 campioni analizzati fino ad ora.<br> Questi risultati ci indirizzano a proseguire la ricerca del TTV per definirne il ruolo come “generico” indicatore di contaminazione virale.<br>
File