ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06252019-114849


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
PIERONI, EDOARDO
URN
etd-06252019-114849
Title
Il rapporto fT3/fT4 come marker predittivo di risposta alla terapia biologica di pazienti anziani affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Supervisors
relatore Prof. Marchi, Santino
Parole chiave
  • malattie infiammatorie croniche intestinali
  • fT4
  • fT3
Data inizio appello
16/07/2019;
Consultabilità
Secretata d'ufficio
Riassunto analitico
Presupposti e obiettivi

L'aumento della percentuale della popolazione anziana sta portando ad un incremento del numero di pazienti anziani affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI). In questa categoria di pazienti le reazioni avverse dei farmaci biologici sono più comuni, comportando spesso una maggiore difficoltà nel trattamento. Il rapporto sierico fT3/fT4 è un semplice ed accurato biomarcatore di fragilità in pazienti anziani, indipendentemente dall'età. fT4 aumenta in caso di riduzione della massa magra (sarcopenia), a causa dell'espressione di citochine proinfiammatorie (inflammaging). Inoltre, ci sono alcune evidenze di un aumento del rapporto fT3/fT4 nei pazienti con MICI durante il trattamento con farmaci anti-TNF.

Materiali e metodi

I pazienti con MICI di età pari o superiore a 60 anni che hanno iniziato una monoterapia biologica con anti-TNF o Vedolizumab presso l'unità di Gastroenterologia universitaria dell'ospedale di Pisa tra gennaio 2017 e aprile 2018 sono stati arruolati in modo retrospettivo. I pazienti con comorbilità tiroidea sono stati esclusi. Prima di iniziare il trattamento, è stato prelevato un campione di sangue da ogni paziente e il siero è stato conservato a -20 °. Sui campioni di siero, fT3 e fT4 sono stati dosati usando un metodo immunometrico (VITROS®). Una colonscopia è stata eseguita al baseline e dopo 54 settimane di trattamento. L'esito terapeutico è stato valutato dopo 54 settimane di trattamento, in termini di guarigione della mucosa (MH, definito come un punteggio endoscopico Mayo <2 per la colite ulcerosa -RCU- e come la scomparsa di ulcere per malattia di Crohn -MC-) e di remissione clinica (CR, definita come un Partial Mayo Score <2 per la RCU e come un indice di Harvey Bradshaw <5 per il MC).

Risultati

55 pazienti sono stati inclusi in questo studio, 34 con RCU e 21 con MC, 23 trattati con Vedolizumab e 32 con anti-TNF. La MH è stata raggiunta in 23 pazienti (42%), mentre CR in 30 (55%). Il rapporto medio fT3 / fT4 al baseline era di 4,40 nei pazienti che hanno raggiunto la MH e 2,95 nei pazienti senza MH (p <0,0001); gli stessi risultati sono stati ottenuti in termini di CR (4,21 in caso di CR, 2,78 senza CR, p <0,0001). L'analisi della curva ROC ha identificato un cut-off di 4,40±0,77 nel predire la MH (sensibilità 87%, specificità 84%, p <0,0001) e di 4,21±0,77 nel predire la CR (sensibilità 97%, sensibilità 84%, p <0,0001).

Conclusione

Il rapporto fT3/fT4 sembra essere uno strumento affidabile nel prevedere l'outcome clinico della terapia biologica in pazienti anziani affetti da MICI. Se tale risultato dovesse essere confermato in campioni più grandi, la valutazione del rapporto fT3/fT4 dovrebbe essere suggerita prima di iniziare la terapia biologica, in modo da identificare quei pazienti con maggiori possibilità di risposta, così da bilanciare il rischio di reazioni avverse ai farmaci biologici, che sono più frequenti in questa popolazione.
File