ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06252018-120008


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
SANTOSPAGNUOLO, MARTA
URN
etd-06252018-120008
Title
Asimmetria informativa, rating e regolazione pubblica
Struttura
GIURISPRUDENZA
Corso di studi
GIURISPRUDENZA
Commissione
relatore Prof.ssa Passalacqua, Michela
Parole chiave
  • conflitto di interessi
  • asimmetria informativa
  • rating
  • insider trading
  • aggiotaggio finanziario
  • issuer pays
Data inizio appello
18/07/2018;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Il presente elaborato evidenzia l'attuale situazione normativa in materia di Credit Rating Agencies, con un'attenzione particolare ai limiti della stessa. L'analisi della nota vicenda statunitense dei mutui subprime, anzitutto, consentirà di approfondire temi quali l'asimmetria informativa, la finanza derivata, nonché i conflitti di interesse che inficiano l'attività valutativa delle agenzie di rating. Sotto quest'ultimo profilo, emergeranno dunque le problematiche proprie dell'issuer pay-model, degli auxiliary services e dell'assetto societario di siffatte agenzie. Il confronto (parziale) con la normativa approntata negli Stati Uniti, soprattutto con riferimento alla disclosure, metterà in rilievo il sostanziale appiattimento sulla stessa da parte della disciplina dell'eurozona. L'analisi del Code of Conduct Fundamentals della IOSCO, poi, renderà evidente il fallimento dei meccanismi reputazionali del rating quale bene d'esperienza; aspetto che si riflette direttamente sulla legittimazione delle agenzie. L'attuale conformazione oligopolistica del mercato dei rating, infine, offrirà qualche spunto di riflessione in merito a siffatto potere privato dai confini poco chiari, nonché alla loro evidente capacità di destabilizzare il mercato finanziario. Proprio quest'ultimo aspetto spiega la volontà di trattare dell'inchiesta, avviata tra il 2011 e il 2012, dalla Procura di Trani nei confronti, in particolare, Standard & Poor's che, insieme a Fitch e e Moody's, rappresentano le c.d. Big Three della finanza.
File