ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06242016-172851


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
IACOPINI, GIADA
URN
etd-06242016-172851
Title
Le trasformazioni del matrimonio alla luce delle recenti novita' normative
Struttura
GIURISPRUDENZA
Corso di studi
GIURISPRUDENZA
Commissione
relatore Prof.ssa Favilli, Chiara
Parole chiave
  • Negoziazione assistita
  • convivenza di fatto
  • unioni civili
  • divorzio breve
Data inizio appello
18/07/2016;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
<br>Con la presente trattazione si propone un&#39;analisi dell&#39;evoluzione giuridica attraversata dall&#39;istituto matrimoniale e, in particolare, delle recenti novità che hanno interessato la disciplina della fase patologica (divorzio breve, negoziazione assistita) e l&#39;introduzione di una regolamentazione modellata sul matrimonio per le coppie omosessuali.<br>E&#39; proprio la tangibilità delle questioni e delle problematiche che ruotano intorno a questo istituto che ha portato chi scrive a voler indagare più a fondo sull&#39;argomento.<br>A questo fine, si prende le mosse da una ricostruzione storica del matrimonio e dal suo originale quadro normativo.<br>In particolare, nel primo capitolo, si mettono in luce i momenti che hanno determinato il passaggio da una concezione pubblicistica della famiglia, (intesa quale baluardo di interessi superiori a quelli delle parti e per tanto da tutelare e proteggere a prescindere dalla volontà di questi ultimi), ad una concezione privatistica, tesa a valorizzare sempre di più l&#39;autonomia dei singoli.<br>E&#39; proprio l&#39;affermarsi in materia familiare, della necessità di dare maggiore autonomia ai coniugi, che porta progressivamente il legislatore ad introdurre nuovi istituti, espressione di questa esigenza sociale.<br>Essi vengono analizzati nel secondo capitolo, ove si discute della c.d. “negoziazione assistita”, oltre che dei c.d. “accordi ricevuti dal sindaco”, introdotti nel nostro ordinamento dagli artt. 6 e 12 della l. n. 162/2014 al fine di permettere una “semplificazione” della procedura di separazione personale dei coniugi, dello scioglimento del matrimonio e della cessazione degli effetti civili, nonché della modifica delle condizioni di separazione e divorzio.<br>I due diversi istituti vengono studiati mettendone in luce le caratteristiche, le diversità, i presupposti e lo scopo che si prefiggono di raggiungere.<br>Non mancano però i rilievi critici, che mettono in evidenza le lacune della normativa.<br>Nel terzo capitolo, si prosegue soffermandosi invece sulla l. n. 55/2015, meglio conosciuta come “legge sul divorzio breve”.<br>Anche in questo caso il fil rouge con i capitoli precedenti è rappresentato dalla volontà del legislatore di valorizzare l&#39;autonomia privata in materia matrimoniale, volontà che questa volta si viene a concretizzare in una sostanziale diminuzione delle tempistiche necessarie per ottenere il divorzio.<br>Questa novità legislativa porta con sé numerose problematiche che ovviamente, non mancano di essere messe in luce nell&#39;elaborato.<br>Tra queste le più rilevanti sembrano essere legate al momento di scioglimento della comunione legale tra i coniugi, dai problemi di coordinamento con la l. n. 162/2014 e infine dalla scelta di escludere la possibilità di accedere al “divorzio diretto”.<br>A concludere l&#39;elaborato, non poteva mancare un capitolo dedicato all&#39;analisi della recentissima l. n. 76/2016, più nota come l. Cirinnà.<br>Si è ritenuto opportuno infatti confrontare i nuovi istituti delle unioni civili con il matrimonio, quale unione tradizionalmente riconosciuta, al fine di evidenziare gli argomenti di analogia ma soprattutto di differenza dettati dall&#39;esigenza di stare al passo con una società in continua evoluzione.<br>
File