ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06212020-155907


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
NIERI, MARIA
URN
etd-06212020-155907
Title
Marcatura di cellule in diagnostica PET/SPECT ed impiego di nanosistemi
Struttura
FARMACIA
Corso di studi
FARMACIA
Supervisors
relatore Prof.ssa Piras, Anna Maria
Parole chiave
  • cell tracking
  • marcatura di leucociti
  • labelling of leukocytes
  • tracciamento di cellule nanoparticles
  • nanoparticelle
Data inizio appello
08/07/2020;
Consultabilità
Secretata d'ufficio
Data di rilascio
08/07/2090
Riassunto analitico


L'utilizzo di nanoparticelle sta assumendo sempre maggiore importanza nella diagnostica e nel drug-delivery. Grazie alle loro dimensioni e specifiche proprietà il loro utilizzo è particolarmente rilevante in diagnostica PET, SPECT e PET/MRI nell'individuazione di patologie, monitoraggio della loro progressione- regressione ed efficacia terapeutica. L’uso dei nanosistemi è studiato sia per la marcatura in vivo che ex-vivo di cellule autologhe, come ad esempio per il labelling di leucociti autologhi per l’individuazione del focus infiammatorio e nella distinzione tra infezione ed infiammazione asettica. Ho evidenziato tre studi su modelli di marcatura di cui due sulla marcatura leucocitaria ed uno sulla marcatura di eritrociti. Il primo prevede l’utilizzo di 89Zr e nanoparticelle di chitosano ,il secondo prevede l’utilizzo di 68Ga e nanoparticelle di carbossimetilcellulosa (CMC) ed il terzo nanoparticelle di silicio poroso rivestite con membrana di globuli rossi impiantate con 155 Tb . Inoltre ho preso in esame il tracking di cellule CAR-T, già impiegate in terapia oncologica, come importante strumento diagnostico e per individuare approcci terapeutici personalizzati.



The use of nanoparticles is becoming increasingly important in cell marking and drug delivery. Thanks to their size and specific properties, their use is particularly relevant in PET / SPECT diagnostics in the identification of pathologies, monitoring of their progression-regression and therapeutic efficacy. The labeling of autologous leukocytes with nanoparticles provides important information on the location of the inflammatory focus and in the differentiation between infection and aseptic inflammation. I have highlighted three studies on marking models, two of which on white blood cell marking and one on erythrocyte marking. The first involves the use of 89Zr and chitosan nanoparticles, the second involves the use of 68Ga and carboxymethylcellulose nanoparticles (CMC) and the third porous silicon nanoparticles coated with red blood cell membrane implanted with 155 Tb. I also examined the tracing of CAR-T cells, already used in cancer therapy, as an important diagnostic tool, through the use of nanomaterials, to provide information on cells and the tumor microenvironment in order to suggest new therapeutic approaches.
File