ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06202017-121719


Thesis type
Tesi di specializzazione (5 anni)
Author
PALANDRI, MARCO
URN
etd-06202017-121719
Title
Efficacia e limiti della gestione diretta dei sinistri nell'AOU Careggi: analisi casistica 2010-2016
Struttura
PATOLOGIA CHIRURGICA, MEDICA, MOLECOLARE E DELL'AREA CRITICA
Corso di studi
MEDICINA LEGALE
Commissione
relatore Prof. Norelli, Gian Aristide
Parole chiave
  • gestione diretta
  • responsabilità
  • assicurazione
  • sinistri
Data inizio appello
12/07/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Dopo sette anni dall’inizio dell’autogestione nella Sanità della Regione Toscana per il risarcimento della R.C. professionale ed alle porte di modifiche sostanziali quali quelle introdotte dalla Legge sulla Responsabilità Professionale Sanitaria di recente approvata (L. 24/2017), si ritiene di poter trarre un primo bilancio per un modello di gestione che indubbiamente ed anzitutto ha avuto il merito di porsi come possibile alternativa alla Assicurazione privata ed ha consentito, se ed ove congruamente organizzato, la conoscenza e l’approfondimento di sistemi risarcitori, quantomeno non di uso ricorrente nella pratica assicurativa.<br>Tale bilancio non può prescindere da un&#39;analisi accurata delle richieste di risarcimento danni pervenute all’attenzione del Comitato Gestione Sinistri dell&#39;AOU Careggi (nel periodo compreso tra il 01/01/2010 ed il 31/12/2016), attraverso lo studio dei relativi fascicoli archiviati presso la SODc Medicina Legale del nosocomio fiorentino.<br> <br>Orbene, i dati raccolti appaiono indicativi di apprezzabili vantaggi rispetto alla precedente gestione assicurativa, potendo rilevare come buona parte degli obiettivi iniziali del progetto sia stata raggiunta, pur a fronte di alcune importanti criticità che rimangono tuttora aperte.<br>Imprescindibile la figura del Medico Legale, la cui professionalità rappresenta fattore indispensabile nell’ambito di una visione olistica della valutazione del danno che consenta, tramite una metodologia unitaria nell’accertamento, di perseguire la massima oggettivazione nella raccolta del dato e la massima riproducibilità nella sua utilizzazione a fini valutativi, garantendo in tal modo la scientificità della materia, quale presupposto essenziale al fine di definire regole necessarie per una standardizzazione delle procedure di valutazione e gestione diretta.
File