ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06202016-123224


Thesis type
Tesi di specializzazione (5 anni)
Author
CALABRO', ANDREA
URN
etd-06202016-123224
Title
Impegno subclinico articolare in soggetti celiaci adulti: uno studio ecografico.
Struttura
MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE
Corso di studi
REUMATOLOGIA
Commissione
relatore Prof. Matucci Cerinic, Marco
Parole chiave
  • sinovite
  • ecografia
  • celiachia
Data inizio appello
07/07/2016;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
07/07/2019
Riassunto analitico
La Celiachia è una malattia autoimmunitaria cronica dell’intestino tenue sostenuta dal contatto della mucosa intestinale con il glutine alimentare in individui geneticamente predisposti. Il quadro clinico di questa patologia è estremamente eterogeneo e spazia da forme del tutto asintomatiche a casi molto severi di malassorbimento. La diagnosi di celiachia si basa sull’identificazione di marker sierologici (anticorpi anti gliadina deamidata -AGA- , anti transglutaminasi tissutale -TTG- ed anti endomisio -EMA- ) e istopatologici (biopsia duodenale con riscontro di linfocitosi intraepiteliale, ipertrofia delle cripte e un diverso grado di ipo-atrofia dei villi intestinali). I pazienti affetti da Celiachia si presentano frequentemente anche con manifestazioni extraintestinali: dermatologiche (Dermatite Erpertiforme), cardiovascolari (cardiomiopatie, aterosclerosi precoce), ginecologiche (infertilità, poliabortività), neurologiche (neuropatie periferiche, epilessia, cefalea). Una frazione considerevole di pazienti celiaci manifesta sintomi di natura reumatica: è ben nota l’associazione di questa patologia con malattie autoimmunitarie quali Sindrome di Sjogren, Artrite Reumatoide, Artrite idiopatica giovanile e le diverse forme di connettiviti.<br>La frequenza dell’impegno articolare nei pazienti celiaci è verosimilmente sottostimata dalla scarsa sensibilità dell’esame obiettivo e dalla natura intermittente dei sintomi reumatici.<br>Nella pratica clinica reumatologica sta guadagnando sempre maggiore rilevanza l’ecografia muscolo-scheletrica grazie alla sua praticità di impiego, alla non invasività e alla sua accuratezza diagnostica. Infatti è una metodica più sensibile rispetto alla valutazione clinica, nel rilevare sinovite od entesite e permette, peraltro, di identificare alterazioni patologiche asintomatiche, subcliniche. L’esame ecografico in B-mode e in scala di grigi è in grado di valutare la morfologia dell’articolazione in esame e di identificare la presenza di ipertrofia e/o versamento articolare; con l’ausilio del Power Doppler si rileva inoltre un’aumentata vascolarizzazione tissutale. <br><br>Allo scopo di indagare l’impegno articolare subclinico in corso di celiachia, abbiamo sottoposto ad indagine ecografica un gruppo di celiaci di nuova diagnosi (quindi ancora esposti al glutine alimentare) a livello delle articolazioni del ginocchio, della I e V MTF, del polso, della II e V MCF e del gomito e li abbiamo confrontati con un gruppo di controlli sani ed un gruppo di celiaci in dieta aglutinata (da almeno un anno) in remissione clinico laboratoristica. <br>Abbiamo potuto osservare che il coinvolgimento articolare dei celiaci esposti al glutine è significativamente maggiore a quello osservato nei controlli sani e nei celiaci a dieta.<br>Anche le sedi articolari coinvolte differiscono in maniera significativa. Il ginocchio e il polso sono le sedi più coinvolte nel celiaco contro l’articolazione MTF nel sano e nel celiaco a dieta.<br>
File