ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06192013-002432


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
COLI, DAVIDE
URN
etd-06192013-002432
Title
Disabili e sport: esperienze personali con atleti diversamente abili nelle attività acquatiche
Struttura
MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE
Corso di studi
SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA' MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE
Commissione
relatore Franchi, Alberto
Parole chiave
  • Nessuna parola chiave trovata
Data inizio appello
17/07/2013;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
17/07/2053
Riassunto analitico
Il tema centrale di questa tesi è il mondo della disabilità, di cui vengono approfonditi diversi aspetti tra i quali, in modo particolare, quello sportivo e, ancora più dettagliatamente, quello riguardante la pratica di attività acquatiche.<br>Nella parte iniziale vengono illustrate le varie forme di disabilità, descrivendo l’evoluzione delle classificazioni, dall’ICIDH, International Classification of Impairments, Disabilities and Handicap (Classificazione Internazionale delle Menomazioni, Disabilità e Svantaggi Esistenziali), fino all’ICF (Classificazione Internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute), e analizzando le classificazioni mediche tradizionali.<br>Dopo essere stato introdotto il mondo della disabilità, viene descritta la nascita dello sport per disabili, dai primi Giochi di Stoke Mandeville, svolti grazie all’iniziativa di Sir Ludwig Guttmann, fino ai Giochi Paralimpici organizzati dal Comitato Paralimpico Internazionale (IPC). Segue quindi un elenco delle categorie degli sport per atleti diversamente abili, con particolare riferimento alla classificazione ufficiale per gli sport per disabili, evidenziando i benefici e le precauzioni nella pratica sportiva per questi soggetti.<br>Si arriva quindi alla parte centrale dell’elaborato, dove vengono illustrate le attività acquatiche per soggetti diversamente abili, con riferimento particolare al nuoto, analizzando le varie fasi di avvicinamento all’acqua, l’insegnamento della tecnica, specificando gli obiettivi di tale attività e, a causa delle condizioni singolari delle persone a cui si fa riferimento, ponendo particolare attenzione ad alcuni accorgimenti particolari e alle norme fondamentali per garantire sicurezza in acqua.<br>A questo punto viene descritta la mia esperienza personale con persone diversamente abili, presentando quindi l’ Associazione Polisportiva Disabili Don Carlo Gnocchi (ONLUS), analizzando gli aspetti caratteristici del progetto, affrontando alcune patologie dei singoli atleti focalizzando l’attenzione sulle indicazioni operative e sugli obiettivi, ottenuti e da raggiungere. Viene quindi esaminato un programma di allenamento specifico, approfondendo una seduta di allenamento. <br>Si fa infine riferimento agli “Special Olympics” (SOI) Associazione Benemerita sotto il diretto controllo del CONI, della quale fanno parte gli atleti descritti in precedenza.<br>
File